Live Sicilia

Palermo, arrestato il padre

Preso a cinghiate per le figurine


Articolo letto 784 volte

VOTA
0/5
0 voti

marocchino, palermo, villaggio santa rosalia, violenza su minori, Cronaca
Preso a cinghiate a 8 anni per una marachella: aveva rubato dalla borsa della madre i soldi per comprare un pacchetto di figurine. E' successo a Palermo, dove la polizia ha arrestato Hamid Dahar, 49 anni, cittadino marocchino regolarmente residente a Palermo per lesioni dolose, maltrattamenti in famiglia ed abuso di mezzi di correzione su minore

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio quando il ragazzino, che vive in un appartamento a piano terra di una via popolare del quartiere "Villaggio Santa Rosalia", aveva rubato dalla borsa della madre dei soldi per comprare un pacco di figurine. Quando il padre del ragazzino lo ha scoperto ha cominciato a rincorrerlo per casa e infierire con pugni, calci e cinghiate.

Il ragazzino, nonostante tutto, è riuscito a scappare via dal padre uscendo in strada dove una piccola folla di curiosi, attirati dalle urla, l'ha accolto. Ma non è bastato. Il padre è uscito e ha riportato dentro il figlio, riprendendo a picchiarlo, nonostante la folla pressava alla sua persiana, chiedendogli di smetterla. Il ragazzino riesciva nuovamente a sfuggire alle grinfie del padre ma, questa volta, la folla si è frapposta fra i due. Nel mentre cominviavano ad arrivare volanti della polizia, allertata della violenza che si stava consumando.

Il minore veniva preso in custodia da alcune donne poliziotto che cercavano di tranquillizzarlo, mentre gli agenti facevano ingresso nell'appartamento dove l'uomo si era trincerato spaventato, probabilmente, da un eventuale reazione della folla.

Il piccolo è stato portato in ospedale, dove si trova attualmente ricoverato, ma non versa in condizioni critiche. Il padre è stato arrestato e in attesa di giudizio per direttissima. Al vaglio dei giudici anche la potestà genitoriale dell'uomo.