Live Sicilia

Emergenza rifiuti a Palermo

Più di cento i cassonetti incendiati
Arrestati due giovani a Pallavicino


Articolo letto 821 volte

VOTA
0/5
0 voti

amia, arresti, cassonetti, immondizia, rifiuti, rifiuti palermo, Cronaca
Decine di roghi in tutta la città, spazzatura che brucia e rilascia diossina nell’aria. Dai cento ai centocinquanta cassonetti distrutti durante il week end, secondo l’ultimo bilancio dell’Amia. E scattano anche i primi arresti: i carabinieri hanno infatti sorpreso due giovani mentre appiccavano il fuoco ad alcuni contenitori nella zona di Pallavicino. Casi isolati o incendi gestiti e organizzati secondo un piano preciso? “Al momento – spiega il comandante provinciale dei carabinieri, Teo Luzi – sembra si tratti soltanto di casi isolati. Non abbiamo gli elementi per dire che gli incendi siano coordinati da qualcuno. Non è, tuttavia, un’ipotesi che si possa completamente escludere”.
Intanto uno dei ragazzi fermati la notte scorsa dai militari è un pregiudicato: si tratta di Andrea Castellana di 19 anni. Insieme ad Alfio Nuccio, di 24, deve rispondere di incendio doloso aggravato. I due sono stati sorpresi dagli uomini della Stazione Paleremo-Pallavicino e da quelli della Compagnia di San Lorenzo mentre, con una bottiglia contenente liquido infiammabile, stavano mettendo fuoco ai cumuli di spazzatura vicini ai cassonetti di via Caramina. L’incendio è stato domato grazie all’intervento dei vigili del fuoco e la bottiglia è stata sequestrata.
I controlli continueranno vista l’emergenza che si è creata in città da quando i lavoratori dell’Amia hanno deciso di incrociare le braccia. Anche a tutela della salute dei cittadini, visto che i fumi sprigionati dai rifiuti incendiati contengono diossina e sono altamente tossici.
Secondo i dati forniti dai carabinieri, da quando è stata dichiarata l’emergenza rifiuti a Palermo e provincia, il 2 febbraio scorso, sono state arrestate otto persone e denunciate altre 153 per l’abbandono di rifiuti in strada, non solo ingombranti, ma anche tossici e speciali. Inoltre, sono state segnalate ben 62 discariche abusive ed altre 23 sono state sequestrate, per un totale di 13.476 quintali di rifiuti.