Live Sicilia

IL BAR DELLO SPORT

Tanino e l'arrivo di Walter Zenga


Articolo letto 522 volte

VOTA
0/5
0 voti

Bar dello sport, roberto puglisi, zenga, Bar dello sport
Mettiamo il caso di un palermitano assente dal capoluogo nelle ultime settimane, per essere stato ospite in una delle ville di Berlusconi (dove i giornali non vengono ammessi, zeppi di comunisti come sono) o in una delle cabine balneari dove suole riunirsi il plenum dei simpatizzanti del Partito Democratico (e lì i giornali vengono ammessi. Ma, siccome, lì dentro, sono tutti intellettuali, usano le pagine della cronaca sportiva unicamente per sventolarsi). Ecco, il tizio – poniamo il caso che si chiami Tanino e viva allo Zen – torna e vede i manifesti della rivista “Il Palermo”, strada per strada. All’inizio, cerca di metterli a fuoco. Gli pare di scorgere il poster di uno che somiglia a Walter Zenga e un bagliore, come di fiamma. Pensa Tanino: a Catania hanno bruciato Zenga… Si sa che i cugini sono “cavuri” a ora di pallone. Poi, piano piano realizza. Walterone ha l’aria soddisfatta. Il bagliore sottolinea la zeta del titolo che recita: “Nel segno di Zenga”. Sempre più allucinato Tanino caccia fuori un euro, compra la rivista (grazie Tanino) e scopre che l’uomo ragno è il nuovo allenatore del Palermo. Tre reazioni possibili. Tanino straccia il Palermo (la rivista, tanto ormai l’ha comprata). Tanino straccia l’abbonamento al Palermo (la squadra di calcio) e giura indignato che non consumerà più un ghiacciolo da stadio in tutta la sua vita. Terza (remota) ipotesi. Tanino fa buon viso a cattivo gioco. Dà una scossa al cuore rosanero. E riparte.

Intendiamoci, Walter Zenga è un ottimo allenatore. E’ anche un emergente, un abile comunicatore e – a parere di chi scrive – la sua astuta schiettezza volpina lo farà andare d’accordo con l’estro, diciamo così, vulcanico di Zamparini. Ma, alla prima sconfitta il più tardi possibile, come si impedirà a Tanino di ricordare che in fondo Walter Zenga, fino a poco tempo fa, spergiurava amore per il suo meraviglioso (e tale è stato) Catania? Ri-intendiamoci. Non c’è niente di male a rischiare come Zamparini, specialmente se uno ci azzecca. E’ giusto festeggiare un derby vinto quattro a zero, prima di passare sulla panchina della squadra a cui hai dato una severa lezione. Non si avverte un eccesso di spirito di contraddizione. Tuttavia, il calcio è un giocoso rimbambimento infantile che spesso sovverte le “giuste” regole della logica. Zamparini avrà fatto bene i conti, stavolta? Osservate Tanino. E saprete.
Ps. Il Bar dello Sport va in vacanza. Al suo posto verrà “Il calcio sotto l’ombrellone”. L’autore della rubrica sarà il medesimo. Le storie saranno diverse.