Live Sicilia

Parco delle Madonie

Madonie, la Lav ricorre al Tar
sospesa la caccia ai cinghiali


Articolo letto 1.967 volte

VOTA
0/5
0 voti

caccia, cinghiali, lav, madonie, tar, Zapping
In seguito al ricorso presentato dalla LAV, assistita dagli avv. Antonella Bonanno e Nicola Giudice, il Tribunale Amministrativo Regionale ha sospeso l’abbattimento  dei suidi voluto dai Sindaci dei Comuni di Collesano, Petralia Sottana e Castelbuono, nonostante i territori dei tre Comuni ricadano all’interno di un’area protetta.

I magistrati del TAR hanno ritenuto, infatti, che “la drastica misura adottata – autorizzazione all’abbattimento dei maiali domestici inselvatichiti allo stato brado in tutto il territorio comunale – non appare supportata da un’adeguata istruttoria e motivazione” tant’è che non solo nelle ordinanze dei Comuni si fa un generico riferimento ad una presunta pericolosità dei suidi ma non è dato sapere quanti siano gli esemplari in questione e, quindi, il loro eventuale sovrannumero rispetto all’ottimale equilibrio ecologico. Le ordinanze del TAR confermano inoltre, così come sostenuto dalla LAV, che la “mancata sospensione del provvedimento adottato potrebbe conseguire un grave vulnus alla stessa preservazione della specie animale in questione nel Parco delle Madonne”.

“Le sospensive del TAR sanciscono l’assoluta illegittimità degli atti sindacali, evidentemente predisposti per fini che nulla hanno a che fare con la gestione degli animali selvatici e con la pubblica incolumità.  - ha dichiarato Massimo Vitturi  Responsabile nazionale LAV Settore caccia e fauna selvatica – La fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato e come tale deve essere gestita, nell’interesse di tutti i cittadini italiani che, giova ricordarlo, nella stragrande maggioranza sono contrari alla caccia.”

Bloccate, quindi, le ordinanze con le quali i Comuni  di Collesano, Petraia Soprana e Castelbuono autorizzavano  l’ abbattimento di cinghiali, ibridi od inselvatichiti, in palese violazione delle normative ambientali e sanitarie di riferimento. L’intento era quello di abbattere 20.000-30.000 cinghiali, sebbene non esista nessun censimento  degli animali né tanto meno è stato emanato il previsto decreto da parte dell'Assessore Regionale competente.

La LAV aveva anche sporto denuncia presso la Procura della Repubblica di Termini Imerese contro l’abbattimento dei cinghiali all’interno del Parco delle Madonie (PA),  contestando fra l’altro l’autorizzazione all’ attività venatoria non solo in un periodo di chiusura della caccia ma sopratutto all’interno di un’area protetta dove è vietato espressamente l'abbattimento ed ogni altra forma di disturbo e pressione alla fauna esistente, nonché il reato di introduzioni di armi all’interno di aree protette, in palese violazione delle normative nazionali e regionali di riferimento.

“Abbiamo già provveduto a comunicare la decisione del TAR  ai Comuni interessati – ha dichiarato infine Marcella Porpora Coordinatrice regionale LAV Sicilia – Abbiamo, inoltre, chiesto  alle Autorità competenti di vigilare affinché il provvedimento di sospensiva sia rispettato.”

L’Ufficio legale della LAV a questo punto, farà istanza per conoscere ad oggi quanti animali sono stati uccisi per chiedere ai Comuni responsabili il risarcimento dei danni provocati all’Associazione dalle uccisioni illegittime.