Live Sicilia

Il documento

Il patto per la sicurezza nei cantieri edili


Articolo letto 635 volte

VOTA
0/5
0 voti

addiopizzo, ance, confindustria, libero futuro, palermo, patto antiracket, sicurezza cantieri edili, Extra
PATTO PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI
progetto per la prevenzione del racket

Le associazioni Addiopizzo, Ance Palermo, Confindustria Palermo, F.A.I. e LiberoFuturo promuovono, in accordo con le Forze dell'Ordine, un progetto volto alla prevenzione del racket delle estorsioni mafiose nei cantieri edili.

Il settore edile è uno dei più controllati e condizionati dalla Mafia e negli ultimi tempi si registrano significativi segnali di ribellione. Pertanto si è ritenuto importante realizzare questa iniziativa di prevenzione delle estorsioni per sostenere le imprese edili che vogliano dire NO al racket e alle intimidazioni mafiose.

Il presente "PATTO" prevede l'affissione di uno specifico manifesto (che si allega) a fianco del cartello di cantiere teso a scoraggiare gli eventuali estorsori. L'associazione LiberoFuturo trasmetterà l'elenco dei cantieri aderenti al patto alle Forze dell'Ordine che, dal canto loro, svolgeranno le azioni di monitoraggio e vigilanza, visibili e non visibili, di volta in volta ritenute più opportune ed utili.

Sottoscrivendo il modulo allegato al presente "PATTO" gli imprenditori si impegnano:

- A comunicare all'associazione LiberoFuturo l'elenco di tutti i cantieri già avviati e di tutti quelli di prossima apertura utilizzando la scheda allegata,
- A non pagare il pizzo e a non cedere a qualunque forma di imposizione di personale e forniture,
- A denunciare immediatamente, sentita l'associazione LiberoFuturo, ogni tipo di avvicinamento o segnale riconducibile alle estorsioni ed a collaborare in ogni caso con le forze dell'ordine.
- Ad affiggere su ogni cantiere, a fianco del cartello di cantiere (PREVISTO dall'art. 20, comma 7 del D.P.R. 380/2001), un manifesto del patto di eguale dimensione e realizzato a proprie spese.

Le associazioni, al fine di incrementare il numero di aderenti al "PATTO", promuoveranno iniziative di informazione e sensibilizzazione dei propri associati anche attraverso la previsione di incontri degli associati con i rappresentanti delle forze dell'ordine.

Le associazioni, altresì, chiederanno a tutti gli associati che avessero deciso di non pagare il pizzo, di dichiararlo pubblicamente sottoscrivendo il presente "PATTO"; si stabilisce, infine, l'esclusione dalla lista per coloro che pur avendo aderito dovessero ricevere un avviso di garanzia per il reato di favoreggiamento riconducibile a fatti estorsivi.

Liberarsi dal racket è possibile... insieme!

Per aderire rivolgersi al 333.9787396