Live Sicilia

Indirizzate al governo regionale

Confcommercio: proposte
per aiutare le imprese


Articolo letto 551 volte

VOTA
0/5
0 voti

aiuti alle imprese, confcommercio, giunta regionale, regione siciliana, sicilia, Economia
La notifica al contribuente dell'inizio di procedure ipotecarie, con la fissazione di un termine entro cui fornire ulteriori garanzie o la rateizzazione del debito; la sospensione degli acconti d'imposta per chi e' in difficolta' e un piano di ammortamento del debito; un piano di ammortamento piu' flessibile, per evitare la decadenza della rateizzazione per un solo mancato pagamento. Sono alcune delle proposte che la Giunta regionale di Confcommercio Sicilia, che si e' riunita oggi a Palermo, ha deciso di rivolgere al Governo regionale per "un impegno fattivo e concreto in favore delle imprese".

Ai lavori hanno partecipato, tra gli altri, il presidente di Confcommercio Sicilia, Pietro Agen, il vicepresidente vicario Luigi Genuardi, il vicepresidente amministratore Giuseppe Pace, il coordinatore regionale Julo Cosentino. La relazione tecnica e' stata tenuta da Riccardo Anselmo, capo dell'Ufficio della III Commissione Attivita' produttive dell'Ars e consigliere parlamentare.

Tra le altre proposte dell'Ente camerale anche "la cancellazione presso i competenti uffici dei provvedimenti di fermo da parte del concessionario della riscossione; un meccanismo alternativo e automatico di rateizzazione che non tenga conto degli attuali indici ma si estenda a tutte le imprese in contingente difficolta'; la rateizzazione dei debiti previdenziali e assistenziali; la restituzione rateizzata dei crediti vantati dall'Inps in relazione alla sentenza della Corte di Giustizia Europea per le agevolazioni concesse e non dovute secondo l'Ue".

La Giunta di Confcommercio Sicilia ha notificato queste proposte anche al prefetto di Palermo, Giancarlo Trevisone, in quanto presidente dell'Osservatorio regionale sul credito, al presidente della Regione e al presidente dell'Ars "perche' siano fatte proprie con una mozione che possa impegnare il governo nazionale ad inserirle nei prossimi provvedimenti legislativi a favore delle imprese considerata la particolare rilevanza, in questo momento di crisi".