Live Sicilia

Romano prende posizione

L'Udc e il dialogo: "Niente giunta,
siamo vittime di un tradimento"


Articolo letto 338 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Politica
Duro attacco del segretario regionale dell'Udc, Saverio Romano, al presidente della Regione, Raffaele Lombardo, dopo l'esclusione dei centristi dalla nuova giunta. Durante il comitato regionale del partito Romano ha definito "Quella di Lombardo nei nostri confronti la storia di un tradimento umano; non è stato il primo tradimento della storia dell'uomo e non sarà nemmeno l'ultimo, ma resta pur sempre un tradimento in piena regola".
"Non ci interessava - ha aggiunto Romano - far parte di questo Lombardo bis che è nato con l'arbitrio di un azzeramento della giunta per strategie di partito. E' per questo che a Lombardo, che mi proponeva di dare vita a un nuovo governo con trasformismi e inciuci ho semplicemente risposto 'No, grazie'".
"L'Udc è un partito unito e compatto - ha continuato Romano - che ha la fierezza propria di chi sa e vuole rispettare il voto degli elettori. Il comitato regionale è la dimostrazione della vitalità e della democrazia di un partito che ha un patrimonio di valori e un bagaglio di progettualità che sono la migliore garanzia per il futuro. Siamo pronti a rispettare le opinioni di tutti perchè il nostro è un partito libero che non è però una porta girevole dove si entra e si esce a proprio piacimento. Chi vuole andare può farlo: faremo la cortesia di aprirgli la porta".
"Abbiamo bisogno di tutti - ha concluso - perchè ci attende un cammino irto, ma esaltante e siamo pronti a percorrerlo nella consapevolezza di avere la coscienza a posto. Dispiace che alcuni esponenti autorevoli del Pdl abbiano abbandonato il percorso intrapreso negli ultimi tempi".