Live Sicilia

A Gela

Intimidazione a parroco antimafia


Articolo letto 591 volte

Intimidazione per Don Luigi Petralia, parroco della chiesa Santa Lucia di Gela, impegnato in prima linea nella lotta alla mafia e per la legalità. Due ragazzi sono entrati in chiesa e hanno dato fuoco a uno striscione appeso a un muro del giardino adiacente. Indagano la squadra mobile di Caltanissetta e il commissariato di Gela. Solidarietà di Sonia Alfano, Giuseppe Lumia e Rosario Crocetta (a.c.)

VOTA
0/5
0 voti

don luigi petrella, gela, giuseppe lumia, intimidazioni, legalità, rosario crocetta, sonia alfano, Cronaca
Intimidazione per don Luigi Petralia, parroco della chiesa Santa Lucia di Gela, impegnato in prima linea nella lotta alla mafia e per la legalità. Sabato notte due ragazzi sono entrati nella chiesa riuscendo ad evitare accuratamente il sistema di sicurezza. Poi si sono introdotti nell'oratorio e hanno dato fuoco a uno striscione del Grest (Gruppi Ricreativi ESTivi) appeso a un muro. La scena è stata ripresa dalle telecamere di sicurezza e le immagini sono ora al vaglio della squadra mobile di Caltanissetta.

Solidarietà da Sonia Alfano, eurodeputata dell'Idv, e dal senatore Giuseppe Lumia. "Don Luigi Petralia - dice l'Alfano - svolge da anni un'importante opera di affermazione della cultura della legalità, di promozione umana e di effettivo contrasto all'azione delle mafie nel suo territorio. Un impegno che dà naturalmente fastidio. A lui e a tutta la sua comunità vorrei esprimere la mia piena solidarietà e la mia vicinanza per questo ennesimo atto intimidatorio e mi auguro che mandanti ed esecutori di un tale gesto vengano presto individuati e assicurati alla giustizia".

"La sua azione in questi anni - aggiunge Giuseppe Lumia - è stata positiva, di qualità, perché ha saputo promuovere la cultura della legalità e della lotta alla mafia, coinvolgendo la sua comunità e i cittadini onesti di Gela. Non è la prima volta che don Luigi subisce minacce, ma nonostante tutto e' andato avanti con un impegno straordinario. Adesso si vuole alzare il tiro e quindi la gravità dell'atto intimidatorio non va sottovalutata".

Sulla stessa linea, infine, il sindaco di Gela, Rosario Crocetta, "una vicenda così si sarebbe potuta leggere come un'azione di vandalismo se i ragazzi non dimostrassero di conoscere dettagliatamente il sistema di sicurezza e il parroco non fosse una delle personalità della città più impegnate nella lotta alla mafia". Ma, l'eurodeputato autonomo del Pd, ribadisce l'impegno: "Nessuno pensi che attraverso questi atti intimidatori possano fermare l'attività di don Luigi e della sua parrocchia o intimidire il movimento antimafia della città. La battaglia contro la mafia continuerà ad andare avanti e darà ulteriori risultati''.