Live Sicilia

Conferenza sulla Sanità

"Brava Sicilia, ma continua così"


Articolo letto 528 volte

VOTA
0/5
0 voti

massimo russo, riforma, sanità, siclia, Politica
Come va la sanità? In merito al possibile commissarimento dell'Isola per i conti in rosso della sanità, ecco la posizione del presidente Lombardo, espressa a margine dell'inaugurazione del Laboratorio di diagnostica integrata oncoematologica dell'ospedale Cervello:  "Il risanamento ha percorso un terzo del suo cammino. I dati sui tassi di inappropriatezza e inadegutezza dei ricoveri ospedalieri o sui tanti e piccoli nosocomi, ci inducono a continuare a percorrere fino in fondo la strada del risanamento. Sono convinto che abbiamo la capacità e le risorse per raggiungere gli standard del Veneto e della Lombardia".
Passi avanti confermati anche da Ferruccio Fazio, viceministro della Salute e delle Politiche sociali, presente al taglio del nastro. "Non è più concreta l'ipotesi di commissariamento per la sanità nella Regione Siciliana - ha detto il viceministro - Nel corso delle verifiche del 30 giugno scorso, i tavoli tecnici hanno confermato che sono in parte superate le criticità. I 150 provvedimenti forniti dimostrano una nuova capacità di affrontare i problemi". Tuttavia, secondo Fazio "siamo ancora molto lontani dal raggiungimento dell'obiettivo e non bisogna abbassare la guardia".
Il viceministro ha sciorinato dati ed ha fornito indicazioni precise sulla linea da seguire. "La rete ospedaliera - ha spiegato - ha il tasso più alto d'Italia di ricoveri inappropriati. Bisogna razionalizzare e riqualificare, quindi anche tagliare, parte della rete ospedaliera. C'è da fare sul versante dei laboratori provati, che vanno messi in rete, così come sul 118". Anche se il viceministro dà un buon giudizio sul lavoro del governo regionale ritiene che ci voglia ancora "qualche anno di lavoro da fare per portare la Sicilia ai livelli di assistenza sanitaria che si merita".
Un ulteriore esempio di questo "cammino virtuoso" lo ha fornito l'assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, che ha annunciato con orgoglio il "risparmio di 150 milioni di euro, da qua ai prossimi tre anni, grazie alla gara centralizzata per l'acquisto dei prodotti farmaceutici che si è appena conclusa". Il valore complessivo della gara, che si è svolta per via telematica, è di 932 milioni di euro, alla quale aggiungere l'Iva al 20 per cento, per un totale di 2,035 lotti da aggiudicare.