Live Sicilia

Incredibile lite condominiale a Palermo

Pensionato e lanciatore di molotov


Articolo letto 672 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Più che una lite condominiale una guerriglia condominiale con tanto di lancio di bottiglie molotov. Scenario dell'incredibile vicenda il popolare quartiere Brancaccio di Palermo. In manette è finito Gaspare D'Aleo, 61 anni, pensionato dei cantieri navali. La polizia gli ha contestato il reato di detenzione illegale di armi da guerra.
La lite ha coinvolto l'anziano, proprietario di un appartamento al piano terra, ed altri condomini con i quali i rapporti erano già tesi da diverso tempo. Così il pensionato avrebbe deciso di impugnare due molotov e lanciarle all'indirizzo di un 36 enne che reclamava il pagamento degli arretrati condominiali. La vittima, colpita da una bottiglia incendiaria in vetro, è stata ricoverata nel reparto Grandi ustioni dell'Ospedale Civico dove al momento la prognosi, legata ad ustioni presenti sul 10% del corpo, è di almeno 15 giorni.
Il secondo ordigno artigianale, questa volta una bottiglia di plastica, lanciata da D'Aleo, non è fortunatamente riuscita a scavalcare la recinzione condominiale ed è atterrata nel giardino di pertinenza dello stesso, provocando un principio d'incendio subito spento. Nel corso di una perquisizione gli agenti hanno ritrovato all'interno del bagno dell'arrestato altre quattro molotov e contenitori di liquido infiammabile, a detta dell'uomo, "necessari a salvaguardare l'incolumità della famiglia" e quindi "pronte al bisogno".