Live Sicilia

La denuncia delle associazioni ambientaliste

Termovalorizzatori, ricorso al Tar


Articolo letto 565 volte

VOTA
0/5
0 voti

legambiente, ricorso al tar, termovalorizzatori, Cronaca
“La gara per i termovalorizzatori in Sicilia è un tentativo non riuscito di aggirare la sentenza della Corte di Giustizia europea. Nel bando, infatti, è stata inserita, in modo subdolo, una postilla che permette ai vecchi gestori di procedere con trattativa privata dopo che la gara è andata deserta, come si è puntualmente verificato lo scorso 30 giugno”. Lo denuncia un cartello di associazioni ambientaliste e di sindacati che oggi ha presentato un ricorso ai Tar di Palermo e Catania.
Secondo Legambiente, Cgil, Wwf e Rifiuti Zero l'articolo 57 del codice degli appalti, espressamente citato nel bando, effettivamente autorizza la trattativa privata in caso di gara deserta, ma fissa un tetto: un milione di euro. Per costruire i temovalorizzatori in Sicilia, però, si prevede una spesa di un miliardo di euro per ognuno dei quattro impianti previsti nell'isola.
Insomma, i firmatari del ricorso temono che il bando sia stato costruito per disincentivare la partecipazione alla gara, in maniera tale da affidare ai vecchi gestori l'appalto, e sollevano un'eccezione di legittimità. Nel ricorso, inoltre, vengono risollevate tutte le obiezioni già indicate in passato: le carenze nelle procedure autorizzative e l'assenza della disponbilità legale dell'area da parte di chi ha partecipato alla precedente gara invalidata dalla Corte di Giustizia europea.
“Abbiamo sprecato sei anni – afferma Mimmo Fontana, segretario regionale di Legambiente – non c'è più tempo da perdere. Il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, ha parlato di un nuovo modello. Noi siamo disposti a discuterne, ma bisogna cominciare dicendo basta ai termovalorizzatori e predispondendo un nuovo piano rifiuti”.