Live Sicilia

SCELTI PER VOI

Messina, una legge di 32 pagine
per salvare un solo albero


Articolo letto 436 volte

Di Sergio Rizzo (tratto dal Corriere della Sera) Sedici pagine sulla Gaz­zetta ufficiale della Repubblica italia­na e altrettante sul Bollettino ufficiale della Regione siciliana, per migliaia e migliaia di copie: chissà quanti alberi sarebbero stati sacrificati per stampar­le, se non fosse per l’uso della carta ri­ciclata. E tutto ciò perché l’intera citta­dinanza italiana venga edotta, con me­ticolosa dovizia di particolari, che un albero di Messina è stato dichiarato per legge di "notevole interesse pub­blico".

VOTA
0/5
0 voti

, Scelti per voi
Di Sergio Rizzo (tratto dal Corriere della Sera)

Sedici pagine sulla Gaz­zetta ufficiale della Repubblica italia­na e altrettante sul Bollettino ufficiale della Regione siciliana, per migliaia e migliaia di copie: chissà quanti alberi sarebbero stati sacrificati per stampar­le, se non fosse per l’uso della carta ri­ciclata. E tutto ciò perché l’intera citta­dinanza italiana venga edotta, con me­ticolosa dovizia di particolari, che un albero di Messina è stato dichiarato per legge di "notevole interesse pub­blico". Avete capito bene: un solo al­bero.
Bello, bellissimo, da far invidia ai suoi consimili dell’Orto botanico citta­dino, dove, dicono gli esperti, non ce n’è uno paragonabi­le. Ma tutto somma­to né unico né parti­colarmente vecchio.

È un esemplare di Pittosporum tobira, specie vegetale origi­naria del Giappone, che viene utilizzata per le siepi dei giardini pubblici. Più semplicemente, un pittosporo. Ecco come l’ha descrit­to il 23 gennaio 2002 Rosa Maria Pic­cone del Dipartimento di scienze bota­niche dell’Università di Messina che fu incaricata di fare una relazione a so­stegno della proposta di vincolare la pianta: "L’esemplare da me osservato è un alberello alto circa 4 metri, che ha sviluppato la caratteristica chioma ad ampio ombrello, con un diametro di metri 6,60, quasi perfettamente emisferica... Considerato che questa specie ha una crescita del tronco estre­mamente lenta, questo esemplare ha sicuramente più di 50 anni di età, pro­babilmente fra i 70 e i 100 anni". In­somma, stando alla professoressa Pic­cone si tratterebbe di una pianta appe­na più anziana del suo padrone, ovve­ro l’autore della richiesta presentata sette anni fa alla Soprintendenza dei Beni culturali e ambientali. Perché quell’alberello meraviglioso non si trova sulla pubblica via, bensì in un giar­dino privato che af­faccia sul mare, in via Consolare Pom­pea, di proprietà del signor Giuseppe Raf­fa, settant’anni il prossimo 30 novem­bre. Ex agente di commercio in pensione, spiega: "Per­ché ho chiesto il vincolo alla Soprin­tendenza? Me lo consigliarono alcuni esperti. Adesso nessuno potrà taglia­re o spostare l’albero".

Certo, non è stato facile. Prima la richiesta alla Soprintendenza, il 16 gennaio 2002. Quindi la relazione di parte. Poi, dopo quasi cinque anni an­ni, il 20 dicembre 2006, i dirigenti del Soprintendente Rocco Scimone, ver­garono un rapporto favorevole. E tra­scorso un altro anno, si riunì la Com­missione provinciale per la tutela del­le Bellezze naturali e panoramiche di Messina, che deliberò  "all’unanimi­tà" la concessione  "di vincolo della bellezza individua"  al pittosforo del si­gnor Raffa. Non era finita. Il decreto del  "Dirigente del servizio tutela del dipartimento regionale dei beni cultu­rali e ambientali"  Daniela Mazzarella, è arrivato soltanto il 20 aprile scorso. Mentre la pubblicazione sulla Gazzet­ta ufficiale della Repubblica italiana è di lunedì 13 luglio: a quasi otto anni di distanza dalla richiesta. Anche il pit­tosporo messinese ha così potuto sperimentare sulla propria corteccia la lentezza della burocrazia italiana. Per non parlare dei costi. Timbri, relazioni, riunioni di commissioni, decreti e Gazzette ufficiali stampate in migliaia di copie per decine di migliaia di fogli.

Non senza, però, qualche interessante conseguenza pratica. Per comprenderne la portata bisogna leggere la relazione della Soprintendenza del dicembre 2006, un documento di due paginette dove forse c’è la spiegazio­ne. Poche righe in fondo, per rammen­tare che ai sensi del secondo comma dell’articolo 138 del codice civile in ca­so di vincolo accordato al vegetale, "eventuali modifiche, potature straor­dinarie e ulteriori piantumazioni"  do­vranno essere autorizzate dalla So­printendenza. Ma soprattutto che  "non si potranno consentire amplia­menti della costruzione retrostante, né la realiz­zazione di ulteriori cor­pi di fabbrica nel giardi­no". Non c’è che dire. L’ex agente di commer­cio adesso ha la sua bel­la assicurazione ecologi­ca. Morale: a questo pun­to per combattere la ce­mentificazione selvag­gia della costa siciliana non resta che piantare pittospori ovunque. E poi chiedere di vincolare il vegetale. Mica fesso, il signor Raffa:  "Perché ho chiesto il vincolo? Quan­do fa molto caldo, sotto quella chio­ma c’è un fresco incredibile. Non sa che cos’è, d’estate, prender il caffè lì sotto".