Live Sicilia

Verso il 19 luglio. Parla il fratello del magistrato

Salvatore Borsellino: "Importanti
le rivelazioni di Gioacchino Genchi"


Articolo letto 391 volte

VOTA
0/5
0 voti

borsellino, mafia, palermo, strage, via d'amelio, Cronaca
"Le ulteriori rivelazioni di Gioacchino Genchi sul fatto che a Villa Igiea esistesse una regia occulta della strage di via D'Amelio sono estremamente importanti". Lo ha detto all'ITALPRESS Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo ucciso il 19 luglio del 1992 a Palermo, poco prima della partenza della "Marcia delle agende rosse" organizzata nel capoluogo siciliano da AntimafiaDuemila per ricordare le vittime della strage di via D'Amelio.
"Forse - ha aggiunto Borsellino - certe indagini non sono state sfruttate opportunamente, perche' non si e' permesso a persone come Genchi di indagare nel verso giusto. L'apporto che potrebbero dare le conoscenze e le capacita' tecniche di Genchi nell'esame dei tabulati telefonici credo siano fondamentali per arrivare a una verita' che, a distanza di 17 anni, purtroppo non e' ancora venuta a galla".