Live Sicilia

Il presidente Lombardo al Sole 24 Ore

"Nessuno rispetta gli impegni per il Sud"


Articolo letto 305 volte

VOTA
0/5
0 voti

governo, raffaele lombardo, sud, Politica
"Non intendiamo rinnegare l'appartenenza a questa maggioranza, ma adesso basta. Abbiamo fatto un'alleanza che prevedeva precisi impegni per il Sud. Non uno di questi, dico uno, è stato finora rispettato". Lo afferma il presidente della
Regione Siciliana e leader dell'Mpa, Raffaele Lombardo, in un'intervista al Sole 24 Ore, all'indomani dell'approvazione da parte delle Commissioni Bilancio e Finanze del ddl di conversione del decreto anticrisi, senza i voti del Movimento per l'Autonomia. Lombardo cita tra gli impegni a suo dire non mantenuti dal governo quelli "sulle infrastrutture (a partire dal Ponte), la fiscalità di vantaggio, per non parlare del Fas che ci è stato sequestrato".
Secondo il leader dell'Mpa "l'accusa del Sud piagnone non funziona più. Le risorse del Fas sono nostre, ci sono state assegnate dalla Ue, non è un'elemosina". Parlando della minore attenzione mostrata negli ultimi anni dalla politica riguardo al divario Nord-Sud, Lombardo spiega che "la Lega ha dimostrato di saper fare politica meglio di tutti, è riuscita a fare diventare la
questione settentrionale, che è reale, una questione nazionale".
Invece, secondo il governatore siciliano "non c'e' una forza politica capace di rappresentare oggi gli interessi del Mezzogiorno. La leadership non mi interessa. Penso che dovrebbe comunque essere una persona giovane e soprattutto credibile, io mi limiterò a dare una mano". Lombardo pensa a "una federazione di partiti e movimenti capaci di rappresentare le istanze dei cittadini meridionali". In merito alle proposte del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianfranco Miccichè, il segretario federale dell'Mpa afferma: "Non so cosa vuole e fino a dove vuole spingersi. Per ora sta nel
Pdl, che le istanze del Sud non le ha rappresentate. Noi a suo tempo il cordone ombelicale l'abbiamo tagliato, ci siamo assunti un rischio e una responsabilità. A cominciare da come si vota in Parlamento è lì che si vede davvero ha a cuore i destini del Mezzogiorno".