Live Sicilia

Racket a Palermo

Attack nei negozi "Bagagli"


Articolo letto 595 volte

La colla è stata trovata nelle serrature dei tre negozi della catena di abbigliamento ieri mattina. Per gli investigatori non vi sono dubbi sulla matrice estorsiva dell'avvertimento. Dal colonnello Teo Luzi comandante provinciale dei carabinieri di Palermo parte nuovamente l'appello a tutti i commercianti a non aver paura e, denunciare casi di intimidazione (a.c.)

VOTA
0/5
0 voti

bagagli, colla attack, cosa nostra, mafia, palermo, pizzo, Cronaca
Colla "Attack" nei tre noti negozi "Bagagli" di Palermo. La cattiva sorpresa è stata trovata ieri mattina dal titolare di tutti e tre i negozi, colpiti in contemporanea: in via XX Settembre, via Messina e via Nicolò Garzilli.

Il titolare ha presentato regolare denuncia ai carabinieri della stazione "Crispi" riferendo, inoltre, di non aver ricevuto telefonate o minacce a scopo estorsivo, né subito analoghi episodi di danneggiamento. Per gli investigatori anche questo rientra nella nuova strategia dei clan di Cosa nostra di procedere a dei "danneggiamenti preventivi". Un metodo ritenuto più sicuro della classica "visita" per non finire denunciati o ripresi da qualche telecamera.

Dal Colonnello Teo Luzi, comandante provinciale dei carabinieri di Palermo parte nuovamente l'appello a tutti i commercianti a non aver paura e, denunciare casi di intimidazione. "I recenti colpi inferti a cosa nostra dalle forze dell'ordine - si legge nella nota dei militari - hanno dimostrato come alle indagini sia fondamentale il contributo fornito dalle vittime, per inchiodare gli uomini del racket". (a.c.)