Live Sicilia

MOTORIZZAZIONE

Da oggi in Sicilia si può pagare col bancomat


Articolo letto 817 volte

VOTA
0/5
0 voti

bancomat, motorizzazione, pagamenti, tasse, Le brevi
Bolli, tasse di revisione per gli esami di guida per la richiesta della patente o di un duplicato. Sono alcuni dei cosiddetti ''diritti di Motorizzazione'', che a Palermo, in via sperimentale e, nelle prossime settimane, nelle altre province siciliane, gli utenti potranno pagare direttamente allo sportello degli uffici di Motorizzazione civile, con le carte Pagobancomat, attraverso i Pos che sono stati installati dal Banco di Sicilia, l'Istituto cassiere della Regione siciliana. In piu', si potra' usare la Tessera sanitaria, per evitare di compilare i moduli su carta con i dati personali, facilitando i cittadini e guadagnando tempo. Il progetto che punta alla semplificazione delle procedure ed e' gia' attivo alla Motorizzazione di Palermo, e' stato presentato stamattina dall'assessore al Bilancio, Roberto Di Mauro, insieme con i dirigenti generali dei dipartimenti Bilancio, Enzo Emanuele, e Trasporti, Giovanni Lo Bue. Erano presenti anche Pierantonio Spedale, capo dell'organizzazione del Banco di Sicilia, e Antonino Ruvolo, responsabile amministrativo enti dell'istituto di credito, che ha curato la realizzazione del progetto. ''Questa iniziativa - afferma l'assessore al Bilancio Di Mauro - e' la prima applicazione pratica della tessera dei servizi della Regione Siciliana spedita a tutti i cittadini siciliani per facilitarli nei rapporti con la pubblica amministrazione''. ''Questo e' possibile grazie alla scelta della Regione, la sola in Italia, insieme con la Lombardia e il Friuli, di inserire nella tessera un chip che consente di leggere i dati del cittadino - prosegue l'assessore - Sara' possibile ridurre i costi complessivi del sistema, evitando il ricorso ai documenti cartacei. Agevolando il sistema di riscossione, inoltre, si velocizzera' il versamento dei tributi nelle casse della Regione''. ''Un ringraziamento va rivolto - conclude Di Mauro - oltre ai funzionari degli assessorati Bilancio e Trasporti, anche al Banco di Sicilia che si e' prodigato per la riuscita di questo progetto''.