Live Sicilia

Il concorso

Diritto di foto, premiati
i vincitori a Villa Filippina


Articolo letto 529 volte

VOTA
0/5
0 voti

concorso fotografico, giuria di live sicilia, giuria popolare, live sicilia, Cultura e Spettacolo, Zapping
Venerdì 31 luglio 2009, alle ore 19.30, ha avuto luogo a Villa Filippina (Piazza San Francesco di Paola 18, a Palermo), la premiazione delle foto vincitrici del concorso “Diritto di foto. Scatti dalla Sicilia che vota”. Il concorso fotografico, organizzato da Livesicilia.it s.r.l in collaborazione con Angelo Randazzo s.r.l, ha previsto due categorie di premi: il premio “Giuria Ufficiale” ed il premio “Lettori Livesicilia.it”.
La Giuria di Live Sicilia, composta da Pucci Scafidi (fotografo), Gianni Dominici (Sociologo), Ugo Piazza (esperto in comunicazione), Bernardo Tortorici di Raffadali (Presidente dell'Associazione Amici dei Musei Siciliani) e Francesco Foresta (direttore di Live Sicilia), ha designato la foto vincitrice (tra le 80 partecipanti) che è stata "Seggio vacante" di Daniele di Trapani: Lo scattio si è aggiudicato una macchina fotografica digitale Canon Eos 1000D messa in palio dal Gruppo Randazzo.

<br />

Alle 2 immagini, che hanno ricevuto il maggior numero di preferenze dalla Giuria Popolare, espresse sul sito www.livesicilia.it/diritto_di_foto sono andate in premio altrettante stampe realizzate da Pucci Scafidi, noto studio fotografico palermitano. Hanno vinto Angelo Gambino e "Serena"
Il concorso ha ricevuto notevole riscontro. I partecipanti hanno potuto esprimersi liberamente tramite i propri scatti fotografici: molto suggestive alcune immagini, divertenti e provocatorie altre.

La premiazione è stata seguita da un aperitivo accompagnato dall’ascolto delle hit musicali del momento.

A partire dalle 22.00 è andata in scena l’esibizione della latin jazz cover band No hay problema. Punto fermo della formazione (Irene Ientile, voce; Marco Faldetta, basso; Manlio Messina, tastiera; Lucia Lauro, percussioni; Massimo Bronzetti, chitarra) è la ricerca di un sound caldo e non da sottofondo. Il loro repertorio mescola insieme jazz, latin e canzoni francesi dal sapore anni ’40 e ’50