Live Sicilia

A Ficarra, in provincia di Messina

E il Comune in crisi puntò
115 euro al Superenalotto


Articolo letto 349 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Insomma, il tetto del Superenalotto sfiora i 116 milioni di euro. Così tentare la fortuna non nuoce, nemmeno alle amministrazioni comunali. Un esempio? La giunta comunale di Ficarra, in provincia di Messina, guidata dal sindaco del Partito democratico Basilio Ridolfo, ha deciso di prelevare 115 euro dalle indennità che spettano agli assessori, per giocare al Superenalotto. Il piatto del Comune piange, una botta di fortuna sarebbe gradita, L'iniziativa è stata formalizzata in una delibera di giunta in cui si specifica che metà dell'eventuale vincita sarà utilizzata per realizzare progetti già in fase di ideazione e il resto verrà distribuito equamente tra i cittadini che risultano residenti a Ficarra fino al 30 giugno. "I numeri li abbiamo scelti smorfiando le date della festa patronale in onore della Madonna dell'Assunta che si celebra oggi- spiega il sindaco Ridolfo- e quindi speriamo nella nostra protettrice per sbancare il Superenalotto. In ogni caso, visto che i finanziamenti dello Stato non arrivano, speriamo almeno nella buona sorte".