Live Sicilia

La missiva - appello di un lettore

"Presidente, aiutami tu"


Articolo letto 383 volte


, Politica
"Salve sono un ragazzo che si trova in Veneto a 20 anni lontano da casa per lavoro...volevo farvi un saluto perchè mi manca la mia terra in un  modo che non so spiegarlo neanche per causa di un lavoro mi trovo qui che ne pensate... non è giusto!!! Fate una frase rivolta al presidente Lombardo dicendo di non dimenticarsi dei piccoli giovani che scappano e piangono dalla propria terra  per un pezzo di pane... se le sembra una cosa giusta... chissà tutti   questi fondi dove andranno. Scrivete e fateci arrivare questa notizia... Ciao vi saluto".
E' la breve mail di un lettore. Non sembra uno scherzo e se lo fosse sarebbe verosimile. Abbiamo scelto di pubblicarla in apertura, nella sua verace forma originaria, senza troppi commenti. E' un grido di dolore che non ha bisogno di spiegazioni. E riteniamo di lasciargli il massimo spazio, spazzando via per una volta le parole della politica. E' il grido lancinante di un siciliano tradito, come ce ne sono tanti. Inoltreremo la mail al presidente Lombardo e chiederemo una risposta. Questo ragazzo la merita.
Il presidente sta conseguendo indubbi successi tattici. Ha sbaragliato la concorrenza, ha ripreso i fondi Fas. La sua immagine ne trarrà giovamento. Noi gli spediremo questa lettera con la speranza che rappresenti un vademecumper il futuro. Nessun gioco di palazzo o di potere è grande quanto le lacrime di un siciliano che è stato ingannato, vilipeso, calpestato.