Live Sicilia

Arte

Passaggi in Sicilia
La collezione di Riso e oltre


Articolo letto 522 volte

VOTA
0/5
0 voti

arte contemporanea, palazzo riso, palermo, passaggi in sicilia, Zapping
Sono stati oltre 2.500 i visitatori che, in un paio di settimane dall’inaugurazione, hanno affollato le sale del Museo Riso dove è possibile ammirare, per la prima volta, le opere della sua collezione con la mostra Passaggi in Sicilia. La collezione di Riso ed oltre, a cura di Paolo Falcone e Valentina Bruschi.

La collezione presenta più di sessanta opere di artisti siciliani e internazionali legati alla storia contemporanea dell’Isola e alla sua evoluzione dal secondo dopoguerra ai nostri giorni. Il legame con la Sicilia costituisce il filo rosso dell’esposizione che collega il primo nucleo della collezione di Riso ad alcune opere richieste in prestito e che rappresentano, secondo i curatori, la continuazione ideale della collezione del Museo. In mostra opere di Marina Abramovic, Carla Accardi, Giovanni Anselmo, Rosa Barba, Vanessa Beecroft, Alessandro Bazan, John Bock, Christian Boltanski, canecapovolto, Maurizio Cattelan, Pietro Consagra, Tony Cragg, Martin Creed, Tacita Dean, Francesco De Grandi, Andrea Di Marco, Fulvio Di Piazza, Luciano Fabro, Stefania Galegati, Emilio Isgrò, Jannis Kounellis, Richard Long, Loredana Longo, Giuliana Lo Porto, Domenico Mangano, Fausto Melotti, Aleksandra Mir, Luigi Ontani Mimmo Paladino, Giulia Piscitelli, Paola Pivi, Lili Reynaud-Dewar, Laboratorio Saccardi, Anri Sala, Tomas Saraceno, Salvo, Antonio Sanfilippo, Francesco Simeti, Thomas Struth, Croce Taravella, Cy Twombly e Luca Vitone.

La mostra, concepita come un dialogo interculturale, intergenerazionale e senza alcuna gerarchia compositiva, avente come soggetto la Sicilia, presenta abbinamenti inediti tra opere concepite per il territorio o ispirate all’isola, quali quelli tra Cy Twombly e John Bock; Maurizio Cattelan e Giovanni Anselmo; Thomas Struth e Giulio Paolini; Tacita Dean, Luigi Ontani e Christian Boltanki; Jannis Kounellis e Martin Creed. Vi sono sale tematiche dedicate agli artisti di Forma 1, Carla Accardi, Pietro Consagra e Antonio Sanfilippo, oppure alle isole Eolie – e al loro straordinario “magnetismo” – con opere di Marina Abramovic, Giovanni Anselmo, Paola Pivi, Nan Goldin e Anri Sala. Il percorso espositivo, variegato e dalle molteplici letture, propone, dunque, diversi punti di vista volutamente “aperti” e mai definitivi.

Allestita in due sedi vicine tra loro, Palazzo Riso e Palazzo Sambuca (sede della neonata Fondazione Sambuca), la mostra traccia un percorso nel centro storico di Palermo collegando due esempi di valorizzazione del patrimonio storico artistico attraverso l’arte contemporanea.

Alla Fondazione Sambuca, in sinergica collaborazione con Riso, è esposta una sezione sperimentale della mostra: Rosa Barba con Outwardly from Earth’s Centre; il Sicilian Pavilion, progetto collettivo costituito, in occasione della 52° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, da Aleksandra Mir, Paolo Falcone, Marion Franchetti con Luca De Gennaro e Salvatore Prestifilippo; Tomas Saraceno con Attractive. Tutti gli artisti presenti alla Fondazione Sambuca partecipano, contemporaneamente, alla mostra Fare Mondi/Making Words curata da Daniel Birnbaum per la 53ª Biennale Internazionale d’Arte di Venezia.

La mostra è realizzata anche con il sostegno di UniCredit Group, Planeta e Angala Hotels.
Palazzo Riso, corso Vittorio Emanuele, 365 - 90134 Palermo
da martedì a domenica ore 10 – 20,
giovedì e venerdì ore 10 – 22
ingresso 5 euro, ridotto 3 euro
chiuso lunedì (escluso i festivi)
la biglietteria chiude trenta minuti prima