Live Sicilia

Nel quartiere Falsomiele

A Palermo l'immondizia
si raccoglie con le mani


Articolo letto 446 volte

VOTA
0/5
0 voti

amia, cammarata, emergenza rifiuti, falsomiele, palermo, Cronaca
Autocompattatori guasti e periferie strasbordanti di 'munizza'. Questa è Palermo alle prese con la raccolta dei rifiuti nel quartiere di Falsomiele, alla periferia del capoluogo dove si sono formati grossi cumuli di rifiuti dopo molti giorni di mancato servizio. Non c'era altra scelta. Nella borgata, infatti, i contenitori per l'immondizia possono essere raccolti solo da un certo tipo di mezzo. I "mono-operatore" che, però, sono guasti e non possono essere aggiustati. La ditta che svolge la manutenzione su questi mezzi è fallita e trovare i pezzi di ricambio è molto difficile. Per questo è stato stabilito di sostituire entro cinque settimane tutti i cassonetti della zona con altri che possono essere svuotati dai compattatori tradizionali. Intanto, la pulizia straordinaria di quel territorio sarà assicurata manualmente. La decisione è stata presa in una riunione tra il sindaco Diego Cammarata e il presidente dell'Amia, Gaetano Lo Cicero.

"L'intendimento - ha detto il sindaco di Palermo - è di ripulire in breve tempo la zona di Falsomiele nonostante le difficoltà determinate dall'impossibilità ad effettuare i lavori di manutenzione sui mezzi che, al momento, vi operano. Nelle prossime settimane sostituiremo i cassonetti con quelli tradizionali, in modo da consentire il prelievo della spazzatura da parte dei compattatori che operano nel resto della città".