Live Sicilia

Nell'Agrigentino

Operazione della Dia,
sequestrati beni per 500 mila euro


Articolo letto 447 volte

VOTA
0/5
0 voti

dia, giuseppe carlisi, grotte, sequestro beni, Cronaca
Beni per 500 mila euro sono stati sequestrati dalla Dia nell'Agrigentino. Si tratta dell'imprenditore edile Giuseppe Carlisi, di Grotte, provincia di Agrigento. Il provvidemento è stato emesso dalla seconda sezione del tribunale di Agrigento su richiesta della Dda di Palermo. Carlisi è stato arrestato il 27 luglio del 2007 con l'accusa di associazione mafiosa, in quanto ritenuto affiliato alla cosca di Grotte. Il gup l'ha condannato a 6 anni e otto mesi ma la corte d'Assise d'appello di Palermo lo ha assolto. Ciò nonostante gli indizi e la sperequazioni fra i suoi possedimenti e le dichiarazioni di modesti redditi in famiglia hanno convinto i giudici a emettere la misura cautelare patrimoniale. I sigilli sono scattati su tre appezzamenti di terreno ed un fabbricato a Grotte, una società in accomandita semplice e i beni aziendali,  l'attività di commercio all'ingrosso di manufatti in cemento e materiali edili, con sede a Grotte.