Live Sicilia

Sparito venerdì scorso con 450 mila euro

Si consegna il cassiere
fuggito col bottino


Articolo letto 877 volte

VOTA
5/5
1 voto

banco di sicilia, carmelo scibona, cassiere, corso calatafimi, palermo, rapina, Cronaca
Alla fine non c'è riuscito. Carmelo Scibona, 49 anni, si è presentato alla caserma dei carabinieri con il suo avvocato, dopo una stretta caccia all'uomo che l'avrà indotto a demordere dal suo tentativo di fuga. Parliamo del cassiere capo del Banco di Sicilia di corso Calatafimi, a Palermo, che venerdì scorso è scappato col bottino: 450 mila euro della cassaforte della sua banca. Il classico "prendi i soldi e scappa" non è però riuscito a Scibona. Le ricerche condotte dai carabinieri della compagnia di piazza Verdi, in ambito nazionale e internazionale, hanno braccato l'uomo che si è consegnato ai militari ed è stato già sentito dall'autorità giudiziaria.
Si e' presentato ai carabinieri con il suo l'avvocato, il cassiere capo del Banco di Sicilia sparito da Palermo la settimana scorsa con 450 mila euro. Al termine di un'incessante caccia all'uomo, Carmelo Scibona, 49enne palermitano, ieri sera si e' fatto vivo presso la caserma "Carini", sede del Comando provinciale dell'Arma, dove e' stato subito sentito dall'autorita' giudiziaria che indaga sulla vicenda. Tutto e' iniziato lo scorso 3 agosto, quando presso la Stazione carabinieri Palermo-Centro, il direttore pro-tempore dell'agenzia del Banco di Sicilia di corso Calatafimi 386, aveva denunciato che nella mattinata un suo dipendente con mansioni di cassiere capo, aveva sottratto circa 450 mila euro rendendosi successivamente irreperibile, senza fare piu' ritorno a casa. Le ricerche condotte dai carabinieri della Compagnia Piazza Verdi, in ambito nazionale e internazionale, hanno indotto l'uomo braccato a consegnarsi ai militari.