Live Sicilia

Intervista all'inviata di "Striscia"

Stefania Petyx rilancia:
"Stasera la seconda puntata"


Articolo letto 1.745 volte

"C'è una certa coerenza nei comportamenti di Cammarata: non sapeva niente dell'Amia, non sapeva niente delle consulenze e degli incarichi, e adesso non sa niente della sua barca. Quindi tratta la città come casa sua". Non perde il piglio tagliente Stefania Petyx che commenta così la replica del sindaco di Palermo, Diego Cammarata, protagonista ieri di un servizio mandato in onda da “Striscia la notizia”. ASCOLTA L'INTERA INTERVISTA ALL'INTERNO

VOTA
5/5
1 voto

barca, cammarata, comune palermo, gesip, impiegato, stefania petyx, striscia la notizia, Cronaca
Ascolta l''intervista a Stefania Petyx

"C'è una certa coerenza nei comportamenti di Cammarata: non sapeva niente dell'Amia, non sapeva niente delle consulenze e degli incarichi, e adesso non sa niente della sua barca. Quindi tratta la città come casa sua". Non perde il piglio tagliente Stefania Petyx che commenta così la replica del sindaco di Palermo, Diego Cammarata, protagonista ieri di un servizio mandato in onda da “Striscia la notizia”. "Lavoriamo a questa inchiesta da febbraio dello scorso anno - racconta la giornalista - e pian piano, con pazienza, abbiamo messo insieme tutti i tasselli. Il risultato ha stupito noi per primi". Dal servizio è infatti emerso che un dipendente della Gesip non si sarebbe mai presentato al lavoro, prestando invece servizio come marinaio sulla barca del sindaco Cammarata, che, sempre secondo quando riportato da "Striscia" sarebbe anche stata affittata in nero.
"Abbiamo oltre nove ore di registrazione", dice Stefania Petyx, che annuncia: "Stasera non perdetevi il seguito". Quanto al ruolo dell'informazione e alla disaffezione nei confronti della carta stampata, l'inviata di Striscia non ha dubbi: "Una notizia non deve avere colore, si racconta per quella che è. Spesso i giornali sono troppo integrati al sistema, non ci sono inchieste vere, ce ne sono poche e quando ci sono vengono seguite. Questo crea una naturale disaffezione".