Live Sicilia

Dopo gli acquazzoni...

Wakeboard in strada
Quando lo sport si inventa


Articolo letto 1.084 volte

VOTA
5/5
1 voto

acquazzone, dario romeo, mondello, palermo, wakeboard, Zapping
Si deve fare attenzione a Palermo quando si racconta che in ogni genio c’è un pizzico di follia perché, in una città che non conosce mezze misure, di follia ce n’è fin troppa e si rischia di alzarsi una mattina di fine estate in preda a scatti convulsi di creatività. Proprio com’è successo a Dario Romeo, mondelliano di nascita e avventuriero per scelta, qualche giorno fa. “Sapevo che c’era stato un acquazzone, ma quando ho trovato il cane che nuotava in giardino, proprio non ce l’ho fatta più…” ci racconta.

Ventinove anni in giro per il mondo con una passione: il wakeboard, che insegna tramite la sua scuola (la Sikelia) proprio a Mondello. 29 anni sempre con la stessa domanda: ma perché per due gocce d’acqua Palermo si deve ridurre sempre così? Strade impantanate, fiumi in piena lungo strade pedonali ed un confine col mare che dicono esistere ma che proprio non si trova. Come le sue risposte. E allora non resta che farsi travolgere dalla genialità che offre il wakeboard. “Ho chiamato un paio di amici e mi son portato dietro la tavola” continua a raccontarci. Se cercate su youtube lo troverete anche voi: mentre cavalca onde selvagge lungo tutta Via Principe di Scalea, quando intorno le auto annaspano. In poche ore oltre diecimila visualizzazioni, praticamente come essere andati su una tavola da un lato all’altro di Palermo. E forse anche della Sicilia.

L’acqua, un problema che da anni a Palermo è fratello del traffico, oggi sfrutta la sua “onda” e ruba la scena a tutti. Da quella sporca che scorre sotto le barchette di qualcuno a quella melmosa che scorre sotto la tavola di Dario e dei suoi amici. C’è chi gli da dei pazzi – “ma in fondo forse avrebbero voluto provare anche loro” – risponde Dario. Ed ha ragione, perché nessuno dovrebbe stancarsi di fare notare cosa non va in questa città e spesso proprio nel modo migliore che esiste: la goliardia che da anni accompagna un popolo sempre abituato a scherzare sulle proprie disgrazie.

Fra qualche settimana ci sarà il Windsurf World Festival e resteranno tutti al loro posto: Mondello, il mare, i problemi della città e lo stand della Sikelia Wakeboard di Dario. Fate un fischio se volete una lezione con la tavola. E poco importa se ci sarà malotempo e strade allagate: tanto ora sappiamo come muoverci!