Live Sicilia

L'Mpa annuncia battaglia contro il sindaco

"Pronti alla mozione di sfiducia
contro Diego Cammarata"


Articolo letto 535 volte

VOTA
0/5
0 voti

cammarata, consiglio comunale, Mpa, palazzo delle acquile, palermo, sfiducia, Politica
La bufera nell’isola infelice di Palazzo delle Aquile non accenna minimamente a placarsi, anzi. Dopo il quanto mai inquietante silenzio che ha seguito l’incontro da "far west" nella sala delle Lapidi, l’Mpa torna a fare la voce la grossa e annuncia che nei prossimi giorni le strade di Palermo saranno tappezzate da manifesti del partito contro il sindaco della città. “I Cammarata boys guidati dal prode Tantillo sono arrivati alla canna del gas – dice Mimmo Russo, capo del gruppo Mpa in consiglio comunale – le continue defezioni nel gruppo consiliare del Pdl ufficiale e il becero ostruzionismo a cui hanno dato vita in Consiglio, solo per difendere il raddoppio dell’addizionale Irpef voluto dal sindaco, ne sono l’oggettivo riscontro. Per questo, è politicamente centrale per l’ampio schieramento legalitario, che vuole salvare Palermo da Attila-Cammarata, fare approvare in consiglio comunale una nuova delibera di revoca della previsione dell’aumento Irpef, stavolta, per l’anno 2010. Possiamo ancora riuscirci, se sapremo farlo entro il prossimo 30 novembre, data ultima di approvazione dell’assestamento di bilancio”.

“Per questo, chiederemo al Presidente Campagna – incalza Mimmo Russo - la convocazione del consiglio per quattro giorni alla settimana, fino alla fine di novembre. Visto i numeri degli schieramenti in aula, dopo aver vinto questa battaglia, di legalità e di responsabilità, l’Mpa promuoverà un tavolo con il centrosinistra e l’area Micciché-Misuraca, per giungere alla presentazione unitaria di una mozione di sfiducia al sindaco Cammarata. Il popolo palermitano ha diritto di essere interpellato di nuovo, quanto prima, per esprimere con il suo voto libero, la voglia di cambiamento e la svolta politica di cui Palermo ha bisogno. I palermitani sono stufi di questo Sindaco assenteista, egocentrico e irresponsabile e sono esasperati dai continui allagamenti di cui è vittima tutta la città, solo per pura incuria del Comune, che da anni, colpevolmente, non fa più manutenzione dei beni pubblici.”