Live Sicilia

La denuncia del deputato regionale

Galvagno (Pd): "Dati ad Agrodolce
i soldi per la scala mobile di Enna"


Articolo letto 668 volte

VOTA
0/5
0 voti

agrodolce, enna, galvagno, pd, scala mobile, Cronaca
“C’è un preciso disegno del governo Lombardo finalizzato a penalizzare la provincia di Enna“. Non usa mezzi termini Elio Galvagno, deputato regionale del Pd, all’indomani della proposta del Dipartimento Programmazione di  destinare i 25 milioni di euro, già stanziati per la realizzazione della scala mobile, che avrebbe dovuto collegare Enna  Bassa ed Enna Alta,  alla produzione della fiction Agrodolce. “Si tratta di  una beffa mortificante per  un territorio che troverebbe nella realizzazione di questa infrastruttura una boccata d’ossigeno per la propria economia. - continua Galvagno -  Avevamo già segnalato l’inspiegabile altalena di pareri, prima favorevoli e poi revocati, chiedendo la rimozione dell’ingegnere capo del Genio civile, che aveva dato prova di incomprensibile ostruzionismo. Per tutta risposta arriva questa vergognosa proposta del Governo Lombardo, che è un insulto non solo per lo scippo dei fondi ma per l'ipotesi alternativa a cui destinarli. E’ chiaro che per questo governo regionale è più importante ed urgente uno sceneggiato piuttosto che il destino di un intero territorio, nei cui confronti, lo ribadisco da settimane, c’è una chiara volontà di abbandono. La stessa logica del governo nazionale, che considera il Mezzogiorno una palla al piede da lasciare al proprio destino. Forse Lombardo ritiene che il modello Berlusconiano, che usa le proprie televisioni piene di veline e di starlette per addormentare le coscienze degli italiani, possa essere riproposto nella nostra isola. Meglio aiutare i siciliani a “non pensare”, come se in questa terra non vi fossero altre emergenze rispetto alla realizzazione del “Romanzo popolare Agrodolce“, che rischia di diventare molto amaro per la popolazione ennese.
Ma questa volta non permetteremo questo oltraggio e metteremo in campo tutte le iniziative politiche e di protesta civile, perché venga restituito alla provincia di Enna il maltolto. Già nelle prossime ore - conclude Galvagno - attiveremo il tavolo già istituito in Provincia su quella che abbiamo definito “vertenza Enna”, per decidere le iniziative da intraprendere, pronti a portare la protesta a Palermo perché tale assurda proposta non venga nemmeno presa in considerazione. Mi auguro - finisce il parlamentare - che la stessa fermezza venga dai deputati del centro destra, per impedire scelte che penalizzerebbero ed offenderebbero l'intero territorio ennese".