Live Sicilia

Il sindaco "stoppa" l'assessore

Ma Sgarbi minimizza: "Toscani?
Resterà, era tutto uno scherzo"


Articolo letto 630 volte

VOTA
0/5
0 voti

assessore, creatività, salemi, sgarbi, sicilia, sicilianità, toscani, Cronaca
"Toscani va via? Ma quando mai, è una burla". Vittorio Sgarbi minimizza e quasi ci scherza su. Il suo Assessore alla creatività resterà a lavorare a Salemi, ne è sicuro.

Sindaco, Toscani ha parlato di un rapporto inconciliabile tra creatività e sicilianità. Cosa ne pensa?
"Penso si tratti di uno scherzo. Il problema è che Oliviero è in questo momento sospeso tra due sentimenti: tra l'euforia che prova quando parla con me e la depressione scaturita dalle conversazioni col giornalista Merlo di Repubblica. Ma parleremo e gli tornerà l'euforia".

Quindi è certo che non lascerà il suo posto?
"Io credo proprio che resterà. L'11 ottobre tornerà a Salemi. E comunque, lo nominerò Assessore al nulla. Così continuerà a far parte della mia giunta".

Eppure nella sua lettera, il fotografo ha parlato di sistema compromesso. A quale sistema si riferiva?
"Mi pare chiaro, parla del sistema mafioso".

Si tratta di un semplice sentimento? O ha ricevuto qualche intimidazione?
"Qualche intimidazione l'ho subita io veramente. Ma continuerò ad andare avanti. Lui credo si sia più che altro scontrato con un clima di inefficienza che lo ha fatto pun pò stancare".

In effetti Toscani descrive un ambiente governato dalla rassegnazione. Ma andare via non è proprio un modo di "rassegnarsi"?
"Certo. E le dirò di più. Si tratta di un atteggiamento da pusillanime. Che non è proprio di Toscani. Per questo sono convinto che, superata la depressione infusa dall'articolo di Merlo, tornerà entusiasta come prima".

Eppure, finora, la sua azione di governo è andata avanti in simbiosi con le iniziative ideate da Toscani. Non è che, magari, dietro alle dimissioni dell'assessore, c'è anche la sua volonta di lasciare il ruolo di sindaco di Salemi?
"Quando mai. Io non me ne vado. E non andrà via nemmeno Toscani. Si è trattata di una burla. Solo una burla".