Live Sicilia

INFLUENZA A

Definite le direttive per le aziende sanitarie


Articolo letto 302 volte

VOTA
0/5
0 voti

aziende sanitarie, direttive, h1n1, influenza A, Le brevi
L’assessorato regionale alla Sanità ha predisposto le direttive per le aziende sanitarie sulla campagna di vaccinazione antinfluenzale in Sicilia.
Il programma è stato approvato oggi dal comitato regionale per la pandemia e fornisce le linee guida sulla base delle raccomandazioni che il ministero della Salute ha impartito alle regioni.
In particolare, le ASP vengono invitate a organizzare le attività legate alla organizzazione della campagna (pianificazione, informazione, accordi con i MMG ecc.) affinché l’offerta vaccinale avvenga con modalità e tempistica prevista dalle direttive ministeriali.
La normale vaccinazione antinfluenzale stagionale partirà dunque entro il mese di ottobre. La somministrazione del vaccino pandemico partirà invece dal momento della sua effettiva disponibilità e sarà rivolto alle categorie a rischio espressamente previste dalle ordinanze ministeriali.
La direttiva impartisce alle Asp le raccomandazioni sullo stoccaggio e la distribuzione delle dosi che in Sicilia avverrà in proporzione alla popolazione residente nelle varie provincie.
Il coordinamento generale del programma vaccinale nel territorio provinciale è affidato ai dipartimenti di prevenzione, che costituiscono le strutture di sanità pubblica delle ASP e che hanno il compito e la responsabilità di sovrintendere alla gestione operativa della campagna in questione, curando tutti gli aspetti logistici e organizzativi dell’offerta sul territorio.
I dipartimenti di prevenzione di ciascuna ASP stanno definendo la lista dei centri di vaccinazione a cui nei prossimi giorni verrà data massima diffusione.
In questi giorni sono stati effettuati numerosi incontri con le rappresentanze dei medici di base e gli operatori per definire gli ultimi aspetti operativi.
Sono in programma per i prossimi giorni incontri con rappresentanti delle istituzioni, delle forze dell’ordine e dei servizi pubblici essenziali a livello regionale per illustrare le strategie di intervento.