Live Sicilia

Festival della legalità

Gli autori de "Il mago dei soldi":
"Un inconsueto racconto della mafia"


Articolo letto 846 volte

di Giacomo Cacciatore, Raffaella Catalano e Gery Palazzotto Abbiamo scelto di occuparci della vicenda di Giovanni Sucato con lo spirito di chi voleva guardare la Sicilia da un'angolazione inconsueta. Sono i piccoli fatti di cronaca che, a nostro parere, completano il quadro d'insieme di un grande fenomeno criminale come quello di Cosa nostra.

VOTA
0/5
0 voti

cacciatore, catalano, festival legalità, mago dei soldi, palazzotto, sucato, Cronaca
di Giacomo Cacciatore, Raffaella Catalano e Gery Palazzotto*

[video width="320" height="240"]http://www.youtube.com/watch?v=MVzHuq308eY[/video]

Abbiamo scelto di occuparci della vicenda di Giovanni Sucato con lo spirito di chi voleva guardare la Sicilia da un'angolazione inconsueta. Sono i piccoli fatti di cronaca che, a nostro parere, completano il quadro d'insieme di un grande fenomeno criminale come quello di Cosa nostra. Questa non è una storia di leggendarie latitanze e di superboss dalle strategie imperscrutabili. E´, per così dire, una storia dal basso. Non volevamo puntare i riflettori su protagonisti noti perché la storia, spesso, la scrivono anche i comprimari. E perché le situazioni minori sono paradigma di scenari più vasti: ne ripetono i meccanismi, ma offrono uno spunto di interesse in più, perché consentono di far emergere dal passato fenomeni e personaggi dimenticati, che comunque hanno segnato epoche, costumi, economie, vite. Inoltre, la vicenda Sucato rappresenta una parabola davvero singolare: quella di un personaggio atipico, un self made man alla siciliana che da solo si è fatto re e pedina.
Parlare di mafia attraverso il percorso del mago dei soldi significa abbracciare cronaca e sogno, psicosi collettiva e ipnosi mediatica. Significa attraversare tutti gli strati sociali dell´isola, aggiungendo la dimensione che manca allo schematismo con cui spesso si ricostruiscono le guerre tra clan. Significa estrapolare dalla manifestazione macroscopica il dramma privato. Senza trascurare l'interesse narrativo che la vita e gli affari di Giovanni Sucato offrivano. Coinvolgere, spremere e trascinare esistenze, in Sicilia, è in genere una prassi dell´organizzazione mafiosa. Raramente è accaduto il contrario, cioè che un singolo uomo - addirittura un ragazzo, in questo caso - abbia coinvolto e trascinato pezzi di Cosa nostra. Seppur pagando il solito, ineluttabile conto.

* autori della docufiction "Il mago dei soldi"