Live Sicilia

L'incontro coinvolgerà 56 Paesi

Nel 2010 a Palazzo dei Normanni
la seduta plenaria dell'Osce


Articolo letto 537 volte

VOTA
0/5
0 voti

ars, Francesco Cascio, osce, palazzo dei normanni, palermo, Politica
Nell'autunno dell'anno prossimo a Palermo si terrà la seduta plenaria dell'Osce, l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che ha il compito di promuovere la pace, il dialogo politico e la giustizia nel Vecchio Continente, riunitasi per la prima volta ad Helsinki nel 1973.GetAttachment

Lo ha annunciato Francesco Cascio, presidente dell'Ars. E proprio Palazzo dei Normanni sarà il luogo in cui avverrà l'incontro che coinvolgerà i 56 stati membri. La decisione è stata ratificata stamane ad Atene dall'assemblea Osce, riunita in Grecia per focalizzare i temi della sicurezza e della stabilità globale.

A tal proposito, il presidente del Parlamento più antico d'Europa ha sottolineato che “da oggi parte la complessa macchina organizzativa”, ed evidenziando l’importanza del Mediterraneo come fattore di stabilità nell’area OSCE, ha aggiunto che: “in quest’ottica, la Sicilia può costituire un interlocutore privilegiato, nell’ambito delle politiche di repressione del crimine transnazionale, soprattutto per ciò che attiene al profilo dell’immigrazione clandestina e della tratta degli esseri umani. Spicca, infatti, la necessità che la cooperazione si modelli attraverso una partecipazione strategica di quelle Regioni che geograficamente sono più vicine alle realtà in oggettivo stato di bisogno o a quelle che ancora, a fronte dell’instabilità politica, delle tensioni socio-economiche o di quelle politico-territoriali, faticano a raggiungere condizioni di pace”.

Cascio, infine, ha tenuto a precisare che questa decisione accentua “la vocazione della Sicilia a rafforzare il dialogo tra il versante parlamentare dell’OSCE e quello governativo, anche nella gestione delle politiche sugli incentivi alle imprese, nell’elaborazione di programmi di sviluppo, nella scelta di metodi idonei a favorire la crescita di questi Paesi”.