Live Sicilia

Mafia

Processo omicidi nell'Ennese
Ergastolo per Riina e altri quattro boss


Articolo letto 3.880 volte

VOTA
0/5
0 voti

cosa nostra, enna, ergastolo, mafia, omicidi, riina, Cronaca
Il pm della Dda di Caltanissetta, Roberto Condorelli, ha chiesto cinque ergastoli per cinque boss e gregari di Cosa nostra accusati di una serie di delitti mafia compiuti tra gli anni '80 e '90: Totò Riina, il capomafia di Caltanissetta Giuseppe Piddu Madonia e Gaetano Leonardo, capo della cosca di Enna, Giacomo Sollami di Villarosa e Pietro Pernagallo di Grammichele accusati di essere stati gli esecutori materiali. Sono stati i pentiti Ciro Vara, Calogero Pulci, Carlo Alberto Ferrauto e Calogero Giambarresi a svelare i retroscena dei delitti commessi nell'ennese e che per decenni sono rimasti irrisolti. Tra gli omicidi per cui sono alla sbarra gli imputati c'é quello dell'esponente Dc Giovanni Mungiovino, che i pentiti hanno indicato come rappresentante ennese della vecchia mafia, ucciso il 9 agosto 1983, perché si sarebbe opposto all'avanzata dei corleonesi e al traffico di stupefacenti. Sono ritenuti responsabili anche dell'assassinio degli imprenditori Francesco Seggio, indicato come reggente di Valguarnera, e del figlio Mariano, scomparsi nell'aprile '90 e mai ritrovati, dell'omicidio di Salvatore Saitta, esponente di spicco della cosca ennese, assassinato nel '92 e infine della lupara bianca di Giuseppe Cammarata, autotrasportatore di Enna, scomparso nel maggio del 1989 indicato come capo della cosca ennese. Al processo si sono costituti parte civile i familiari di Francesco e Mariano Seggio, e quelli di Giovanni Mungiovino. La Corte ha fissato per il 20, 21, 22 ottobre le udienze per le arringhe delle difese. La sentenza e' attesa per il 23 ottobre prossimo.