Live Sicilia

Quarantennale dal furto

"Pezzi di Caravaggio" a Palermo


Articolo letto 952 volte

VOTA
0/5
0 voti

associazione amici dei musei siciliani, bernardo tortorici da raffadali, caravaggio, mostra, natività, oratorio di s.lorenzo, tela, Cultura e Spettacolo
natività“Pezzi di Caravaggio”: questo il titolo della mostra inaugurata ieri presso “Massimo Sgroi Antichità” a Palermo. E' l'evento di apertura di una manifestazione della durata di 5 giorni, dedicata al quarantennale del furto della celebre tela Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d'Assisi, realizzata da Caravaggio per l'Oratorio di S. Lorenzo.
Numerose e contrastanti le versioni sul destino del dipinto, commissionato nel 1609 al celebre pittore lombardo dalla Compagnia dei Bardigli e dei Cordiglieri, ed eseguito durante lo stesso anno.
Nella notte tra il 17 e il 18 ottobre del 1969 l'opera viene trafugata dall'Oratorio di S. Lorenzo, dove si trovava custodita, sull'altare maggiore.

Secondo l'ipotesi più inquietante tra quelle avanzate nel corso degli anni, la tela sarebbe stata tagliata a pezzi, scambiati tra i boss mafiosi impegnati nel narcotraffico. Ed è da questa ipotesi che prende vita l'idea della mostra: la riproduzione della tela, effettuata da Enzo Brai sulla base di una fotografia da egli stesso scattata prima del furto, è stata tagliata in 5 pezzi, ognuno dei quali racchiuso in cornici dorate ed esposto.

[video width="320" height="240"]http://www.youtube.com/watch?v=qnNgksS9KaI[/video]

“E' un modo per riaccendere la luce su questo tragico evento. L'impressione è che le ricerche siano state interrotte, quasi si trattasse di una persona scomparsa e quindi di una morte presunta - dichiara Bernardo Tortorici di Raffadali, Presidente dell'Associazione Amici dei Musei Siciliani ed organizzatore della mostra – La “Natività” deve invece essere considerata un latitante, e per questo motivo deve continuare ad essere ricercata. L'auspicio è che la tela torni al più presto alla città di Palermo e all'Oratorio per il quale venne ideata e realizzata”
La mostra sarà visitabile sino al 15 novembre, dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30 (tranne domenica e lunedì mattina).