Live Sicilia

A Palermo, nel quartiere Sperone

Ai domiciliari, spara alla vicina:
"Volevo fare piazza pulita"


Articolo letto 543 volte

VOTA
0/5
0 voti

Cronaca, palermo, sparatoria, Cronaca
Detestava il vicinato e aveva intenzione di fare 'piazza pulita'. Così Vincenzo Aguglia, 28 anni, agli arresti domiciliari, si è giustificato dopo che stamane ha sparato all'indirizzo di una anziana vicina di casa che si era affacciata e aveva scorto l'uomo, dietro una finestra, brandire un fucile e una pistola modificati. Nonostante l'età la donna è riuscita a evitare il colpo. Poco dopo l'appartamento, nel quartiere Sperone, è stato circondato dalla polizia che ha fatto evacuare i palazzi vicini.

Dopo le richieste di aprire la porta, l'uomo ha tolto le mandate lasciando l'infisso socchiuso. I poliziotti, protetti alle spalle dai colleghi appostati sui tetti dei palazzi, sono riusciti ad entrare. Aguglia era in camera da letto, seduto sul materasso; in mano aveva una pistola giocattolo modificata. Rimasto per un po' in silenzio, ha poi spiegato ai poliziotti che detestava il vicinato e aveva intenzione di fare piazza pulita. Approfittando di un momento di distrazione, gli agenti si sono avventati contro il pregiudicato e lo hanno disarmato e arrestato. Sotto il materasso i poliziotti hanno trovato una carabina, calibro 4,75, modificata; due caricatori e cartucce.