Live Sicilia

MESSINA

Mafia, Dia sequestra beni per 200 milioni


Articolo letto 603 volte

VOTA
0/5
0 voti

dia, mafia, messina, sequestro, Le brevi
La sezione operativa della Direzione Investigativa Antimafia di Messina ha confiscato beni per circa 200 milioni di euro riconducibili a Mario Giuseppe Scinardo, 44 anni, originario di Capizzi (Messina) ritenuto uomo di fiducia del Capo di cosa nostra della provincia di Messina, Sebastiano Rampulla. Si tratta di uno dei provvedimenti di confisca più consistenti mai compiuti in Italia. L'operazione é stata coordinata dal procuratore di Catania Vincenzo D'Agata. Il patrimonio confiscato è costituito da numerose società e ditte individuali (con volumi di affari milionari), da circa 230 beni immobili - tra cui immense distese di terreno, appartamenti, ville e locali commerciali - da aziende agrituristiche e vinicole, da impianti di calcestruzzi e da circa 90 mezzi tra camion, escavatori, trattori, mezzi agricoli ed autovetture di grossa cilindrata.

Il provvedimento di confisca, emesso dal tribunale di Catania, si basa su una articolata attività di indagine. La misura patrimoniale è stata chiesta sia dalla procura di Catania che da quella di Messina che, sui beni di Scinardo, svolgevano due distinte indagini. I giudici hanno anche imposto al mafioso la sorveglianza speciale per 3 anni. Tra i beni confiscati ci sono nove tra società e ditte individuali - operanti nei settori economici che vanno dall' edilizia alla produzione di calcestruzzo, dalla produzione dell'energia alternativa (impianti eolici e fotovoltaici) all'agriturismo, dalle coltivazioni agricole e produzione di vino, all'allevamento di bovini e ovi-caprini - tutte intestate a Scinardo ed ai suoi familiari; l'agriturismo Casale Belmontino; 229 immobili, tra terreni e fabbricati, dislocati in tre province diverse (Catania, Siracusa ed Enna); un'azienda agricola di allevamento bovini nel comune di Enna; 88 mezzi tra camion, escavatori, pale meccaniche, trattori, betoniere ed altri mezzi destinati all'agricoltura e all'allevamento del bestiame; 11 capannoni per la custodia degli animali; 61 silos per lo stoccaggio del vino, del foraggio e delle materie prime destinate alla produzione di mangimi; un impianto di calcestruzzo e 500 capi di bestiame. (Ansa)