Live Sicilia

Il discorso alle donne in vista delle primarie

Franceschini a Palermo:
"Così il Pdl taglia i fondi"


Articolo letto 462 volte

VOTA
0/5
0 voti

franceschini, palermo, Cronaca
"La Sicilia è uno dei maggiori bacini elettorali del Pdl, il quale sta ringraziando i suoi elettori continuando a tagliare fondi. Votare alle primarie significa dare autorevolezza alla democrazia e alla Sicilia". Questo l'affondo di Dario Franceschini, a Palermo, nel giorno in cui ha pronunciato il penultimo dei 10 discorsi agli italiani, con i quali ha argomentato la lunga campagna elettorale che si concluderà domani a Marzabotto.

Oggi, alla Tonnara Florio, il candidato alla segreteria nazionale dei democratici, sostenuto nell'Isola da Rita Borsellino e Giuseppe Lupo, ha pronunciato il suo discorso alle donne.

"La vita che le donne italiane conducono, fatta di fatica, lavoro, affetti, famiglia, sacrifici troppo spesso non riconosciuti, non è la vita che le madri della nostra Repubblica, come Nilde Iotti, Tina Anselmi, Gilda Tedesco, avevano sognato per voi".

E poi, ancora, Franceschini incalza sui fatti di cronaca degli ultimi mesi: "Se chi vi ha offese non sente il bisogno di scusarsi, mi scuso io. A nome di tutti gli uomini italiani". Il discorso del candidato democratico, che ha rilanciato, in caso di vittoria, la nomina di vice segretario al deputato Jean Leonard Touadi, si è chiuso ricordando che il secondo vice sarà una donna, scelta dalle donne del partito.

Poi la parola al neo nominato vice: "Mi sento un privilegiato - ha detto - e lo dico di fronte a questo mare che continua a inghiottire vite, la cui unica colpa è quella di essere nate dalla parte sbagliata del Mediterraneo. Per questo la cooperazione internazionale deve essere nel Pd un impegno da rilanciare con forza. Io voglio restituire a questo Paese quello che ho ricevuto, da privilegiato. Ho imparato a conoscere le donne con mia nonna, che porgeva l'acqua al marito genuflettendosi. Da mia madre, non più genuflessa, ma in piedi, davanti mio padre. Da mia sorella, che ha studiato ed è diventata ambasciatrice. Non avrei mai immaginato - ha concluso - che le mie figlie avrebbero dovuto ricominciare da capo".