Live Sicilia

Lettera al Corriere della Sera

"Noi di Giampilieri, vittime di serie B"


Articolo letto 881 volte

Ecco la lettera che Biagio D'Angelo ha inviato al Corriere, corredandola con diversi scatti (all'interno del pezzo) nei luoghi della tragedia. Una testimonianza diretta di come -  dice l'autore - dopo l'alluvione vera e quella mediatica, la tragedia sia stata in fretta dimenticata e in quei luoghi, come Giampilieri, resta solo un roboante silenzio.

VOTA
0/5
0 voti

giampilieri, messina, serie b, tragedia, vittime, Cronaca
Ecco la lettera che Biagio D'Angelo ha inviato al Corriere, corredandola con diversi scatti nei luoghi della tragedia. Una testimonianza diretta di come -  dice l'autore - dopo l'alluvione vera e quella mediatica, la tragedia sia stata in fretta dimenticata e in quei luoghi, come Giampilieri, resta solo un roboante silenzio.

È passato quasi un mese dall’alluvione di Messina e a Giampilieri e negli altri paesi colpiti dalle frane del primo ottobre non ha mai smesso di piovere. Prima la pioggia che ha fatto crollare le montagne sulle case. Poi quella dei media arrivati da Roma e da Milano a documentare la tragedia. Poi è rimasta soltanto la pioggerellina d’autunno, forse un po’ più insistente degli altri anni. Intervallata da qualche rara giornata di sole. Visto che in quei luoghi ci sono nato, sono andato più volte in questi giorni a vederli e a fotografarli.

Volevo parlare con i miei amici e con i miei parenti. La sensazione che ne ho tratto è che queste persone, dopo essere state travolte dall’alluvione vera e poi da quella mediatica, oggi sono tornate in un silenzio ancor più irreale del frastuono fangoso di qualche settimana fa. Solo due cose non sono piovute. La prima, a distanza di quasi un mese, sono le risposte. Ad esempio sulle modalità di gestione e risoluzione dello stato di emergenza, come da giorni chiede il neo-comitato "Salviamo Giampilieri". La seconda, curiosamente, sono gli sms di solidarietà. Come per altre tragedie analoghe è stato attivato un numero (il 48580) dove chi voleva poteva mandare un sms del valore di un euro.

Ma questo numero fantasma, di cui nessuno dei grandi media ha parlato, è stato disattivato già da diversi giorni. Come a confermare l’amara constatazione che la tragedia di Messina è stata frettolosamente catalogata come un affare di negligente e colpevole abusivismo. Come se quelle vittime fossero un po’ di serie B. Vittime, ma anche un po’ colpevoli, in fondo.