Live Sicilia

Regione

E come per incanto riappare
l'aeroporto d'Agrigento


Articolo letto 428 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Politica
Nel corso della riunione di oggi la Giunta Regionale ha approvato la manovra di bilancio che assicura all'amministrazione di raggiungere gli obiettivi programmatici. Su indicazione dell’assessore al Turismo Nino Strano, il governo ha approvato una programmazione di opere e interventi finalizzata ad infrastrutture per il trasporto aereo nell’area centro meridionale in provincia di Agrigento a valere su fondi statali e regionali. Si tratta di un progetto alternativo rispetto a quello portato avanti un paio di anni fa dalla Provincia di Agrigento di concerto con una società costituita ad hoc e presieduta da Marcello Massinelli, opera ritenuta inutile dall'Enac che bocciò il progetto. In totale si tratta di un primo finanziamento pari a 30 milioni di euro.

Grande soddisfazione è stata espressa dai tre assessori della giunta regionale siciliana, Michele Cimino, Roberto Di Mauro e Luigi Gentile, per il finanziamento di 30 milioni di euro di fondi Fas, per l’aeroporto di Agrigento. La delibera di giunta prevede, inoltre, la possibilità di utilizzare personale regionale o degli enti controllati dalla Regione nella gestione dello scalo.

“Siamo estremamente soddisfatti -  ha detto l’assessore al Bilancio, Di Mauro – perché, dopo l’autorizzazione del sito, arriva il finanziamento per la realizzazione dello scalo. Entro giovedì iscriveremo il progetto nell’Apq Trasporti. È l’ultimo atto che prelude alla realizzazione dell’aeroporto. Il governo regionale ha fatto tutto quanto gli spettava fare. Un risultato ottenuto anche grazie al realismo e alla tenacia del presidente della provincia di Agrigento, D’Orsi, che ha sempre creduto alla possibilità di realizzare uno scalo nell’agrigentino”.

“Ho sempre ribadito, prima da assessore alla Programmazione e poi al Bilancio – ha detto l’assessore all’Agricoltura, Cimino – che l’aeroporto di Agrigento poteva diventare una realtà. Finalmente, abbandonati i progetti faraonici e velleitari che non avevano i piedi per camminare, si sono create le condizioni per dare una risposta concreta e non falsi annunci ed illusioni alla provincia di Agrigento”.

“Finalmente – ha aggiunto l’assessore al Lavoro, Gentile – si apre un nuovo capitolo per la provincia di Agrigento, per uscire dalla marginalità geografica che ne ha frenato lo sviluppo economico. Mi auguro che i tempi siano celeri per la realizzazione di una struttura che, insieme all’autostrada Agrigento – Caltanissetta farà uscire la nostra provincia dall’isolamento”.