Live Sicilia

Diario scolastico

Per chi suona la campana


Articolo letto 518 volte

di PROF PERPLESSO Un professore, stanco e valoroso, ci racconterà ogni settimana la scuola vista dal di dentro. Una narrazione attraverso i meandri di mille contraddizioni e di mille ostacoli. Ecco la prima puntata di un percorso che porterà livesicilia nel cuore pulsante della scuola, grazie a un particolarissimo e coraggioso diario.

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
di PROF PERPLESSO Suona la campana, i ragazzi salgono in classe. Il preside va verso la presidenza. Nota un ragazzo fumare davanti al portone. Gli chiede di spegnere la sigaretta e raggiungere i compagni che ormai saranno alle prese con l'appello. Il ragazzo lo guarda, continua a fumare la sua bionda, la cenere buttata nel posto giusto, un posacenere. Lo sguardo è fisso su quell'uomo che gli ha chiesto il rispetto della prima regola scolastica: al suono della campana tutti in classe. Il preside deve essere rimasto lì quasi stordito per lunghissimi secondi, certo il tempo di più di tiro, prima di scoppiare in un sonoro rimprovero. Il ragazzo senza perdere la calma, seppure alzando a sua volta la voce, risponde: "Lei non si deve permettere di alzare la voce con me. Nemmeno mio padre si permette, lo vuole fare lei?".
Qualche ora dopo lo stesso ragazzo, rimproverato da una docente per le continue molestie alla tranquillità della lezione, si avvia deciso alla cattedra redarguendo con voce alta e ben colorita la malcapitata. Alle proteste dell'insegnante l'alunno non fa una piega: "Io parlo come mi pare. Lo faccio con mio padre, perché non dovrei farlo con lei!".
Con questa logica stringente deve fare i conti oggi la scuola.