Live Sicilia

Agroalimentare

Ecco la graduatoria degli aiuti
per lo sviluppo rurale


Articolo letto 603 volte

VOTA
0/5
0 voti

agroalimentare, aiuti, finanziamenti, fondi, sviluppo rurale, Economia
E’ stata approvata la graduatoria delle domande di aiuto presentate per beneficiare dei contributi previsti dalla misura 133 del Programma di sviluppo rurale 2007-2013.

“L’obiettivo è dimostrare che i nostri prodotti possono generare flussi economici significativi. E, la Sicilia deve ritrovare la sua vocazione economica che è strettamente legata all’agricoltura, al turismo e al suo patrimonio ambientale. La misura è finalizzata infatti – ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura, Michele Cimino - alla promozione dei prodotti di qualità e al sostegno agli operatori che lavorano per valorizzare le nostre eccellenze agroalimentari. Da un lato prevede un sostegno diretto alle aziende per affrontare i costi della certificazione, dall’altro dà un aiuto concreto ai consorzi e alle associazioni che rappresentano le aziende stesse e che attivano iniziative per favorire la conoscenza e la diffusione dei sistemi di qualità sul mercato interno ed estero”.

“Il nostro agroalimentare – ha detto ancora Cimino - si basa sulla qualità. Penso che questa misura sia un contributo importante per consolidare la linea politica agricola del nostro governo, legata alla tracciabilità dei prodotti, alla sicurezza alimentare e alla territorialità delle produzioni”.

Per il dirigente generale del dipartimento Interventi strutturali, Sara Barresi “L’agroalimentare di qualità è un motore economico per la Sicilia, che fa da traino anche al turismo. L’impegno del dipartimento è stato di rendere fruibili, in tempi tecnici minimi, i 15 milioni di euro destinati ai consorzi di tutela e alle associazioni dei produttori. Mi auguro che siano ben spesi perché la misura dà la possibilità di avviare azioni di informazione e promozione di tutte quelle produzioni ottenute con metodo biologico certificato e dei prodotti a marchio comunitario Dop, Igp, Docg, Doc e Igt. A dicembre riapriremo il bando per assegnare le nuove risorse”.

Gli interventi ammessi riguardano le spese: per la fornitura di beni e servizi necessarie alle attività d’informazione; la realizzazione di campagne promo-pubblicitarie e incontri con operatori; la partecipazione a manifestazioni, eventi e fiere.

GUARDA LA GRADUATORIA