Live Sicilia

Sentenze contro il buonsenso

Una sedia a rotelle per i giudici


Articolo letto 603 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Signori Giudici della Cassazione, pur augurandoVi ogni bene in salute e portafoglio, pensiamo che sarebbe utile regalarVi una sedia a rotelle per Natale. Magari rossa. Così sarete liberi di girare in carrozzina,  per le strade della nostra amatissima Palermo, e potrete rendervi conto della siderale distanza che separa i mortali destinatari delle sentenze da coloro che le sentenze le emettono nel loro mondo iperuranio di codici e logica. Signori Giudici, anche a Palermo - come saprete - ci sono i disabili e ci sono i parcheggi per disabili. Se avrete la bontà di iniziare questa sorta di Handicap Tour, noterete subito che per i primi è praticamente impossibile utilizzare i secondi. Niente di strano: è l'estrema propaggine, è l'acuto di una logica che prevede l'umiliazione della persona disabile a tutti i livelli. Umiliata da coloro che parcheggiano e non capiscono. Umiliata dalla pelosa demagogia dei politici. Umiliata dalla compassione che sostituisce il diritto. Umiliata dalle sentenze. Già, perché il posto occupato o la negazione della zona blu, nonostante evidenti motivi di opportunità, non sono fastidi: questi con gli altri. Sono chiodi nella carne e nella croce. Sono sottolineature di una condizione disumana. Sono muri e siepi di concertina innalzati tra la persona disabile e il mondo.
E dunque  fatelo questo giro, Signori Giudici, immedesimatevi per una volta. Tanto alla fine del tour in carrozzina, potrete sempre alzarvi in piedi. Voi.