Live Sicilia

AMBIENTE

La Regione istituisce due nuove oasi faunistiche


Articolo letto 510 volte

VOTA
0/5
0 voti

ambiente, largo gorgo, ponte barca, sicilia, Le brevi
L’assessore regionale all’Agricoltura e Foreste, Michele Cimino, ha istituito con decreto due oasi di protezione e rifugio della fauna selvatica “Ponte Barca” e “Largo Gorgo”.

“Ponte Barca”, che prende il nome dall’omonima contrada, si trova nel territorio del comune di Paternò (Catania). Mentre l’oasi di “Largo Gorgo” insiste nell’area del comune di Montallegro, in provincia di Agrigento. I due provvedimenti saranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana.

Il decreto relativo all’oasi di Ponte Barca sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana il 6 novembre prossimo. “Da venerdì Ponte Barca diventerà una realtà. Sarà una delle aree di maggiore valenza ambientale - commenta l’assessore Cimino - grazie alla sua ricchezza naturalistica e alla facilità di accesso per i turisti, gli appassionati, studiosi e scolaresche. Lo scopo è favorire e promuovere la conservazione, il rifugio, la sosta e la riproduzione di alcune specie faunistiche selvatiche, proteggendole durante la migrazione. Il prossimo obiettivo sarà la piena fruizione dell’oasi attraverso una serie di altri interventi, come la costruzione di capannine per l’osservazione della fauna presente e del birdwatching (osservazione degli uccelli)”.

L’oasi è particolarmente importante perché è diventata luogo di nidificazione del pollo Sultano, che è tornato a riprodursi negli anni ’70, grazie a un progetto realizzato nell’oasi del Simeto in collaborazione con la Lipu (Lega italiana protezione uccelli). Oggi, il pollo Sultano si può trovare in molte zone umide della Sicilia, come a Pergusa nell’Ennese, nel Biviere di Gela, fino ad arrivare nel Trapanese.