Live Sicilia

Iniziative

Nasce Addiopizzo Travel


Articolo letto 525 volte

VOTA
0/5
0 voti

addiopizzo travel, antimafia, antiracket, sicilia, turismo responsabile, Zapping
Il comitato Addiopizzo, associazione impegnata contro il racket del 'pizzo', presenta - il 5 novembre alle 10 e 30 al Kursaal Tonnara - Addiopizzo Travel. Si tratta di un’associazione satellite che offre un prodotto turistico dedito a valorizzare il patrimonio della Sicilia. Il progetto è volto a presentare ai viaggiatori "responsabili" un itinerario che permetta di poter dare un contributo concreto al circuito di economia pulita che sta sorgendo in Sicilia. Gli ospiti avranno la possibilità di soggiornare e consumare i pasti nelle strutture ricettive e nei ristoranti che non pagano il pizzo, potranno utilizzare i servizi delle aziende della lista Pizzo-free, e avranno la possibilità di visitare le cooperative che lavorano sui terreni confiscati alla mafia.

Il progetto di Addiopizzo Travel cerca di rendere di riconoscibile anche agli occhi del turista l’impegno di una società dedita alla legalità. Cercherà così di concorrere alla ridefinizione dell’immagine della Sicilia al pari delle meraviglie del suo immenso patrimonio culturale, artistico e ambientale. Un’immagine nuova di una terra che cerca quotidianamente di allontanarsi dai classici clichè che accostano Mafia e Sicilia, per poter presentare una realtà che vive nella legalità. Il prodotto turistico offerto presenta, attraverso il racconto delle storie di antimafia, una lettura del fenomeno mafioso, decostruendolo e proponendo un volto diverso della Sicilia, come terra dalle mille ricchezze e votata al turismo. La storia dell’ antimafia si concretizza attraverso le parole dei protagonisti, in un percorso ricco di emozioni e consapevolezza.

Tra le varie tipologie di tour proposte, una in particolare merita approfondimento. Grazie alla pluriennale esperienza di Addiopizzo nelle scuole, un pacchetto pensato per gli studenti, un nuovo modo di intendere il viaggio d’istruzione, trasferito in un percorso di educazione civica che si integri con la cultura, l’arte, la natura di Palermo e dei suoi dintorni.