Live Sicilia

la linea è chiara: "Noi col presidente Lombardo"

Spaccatura in famiglia
Nasce il Pdl Sicilia


Articolo letto 669 volte


lealisti, micciché, misuraca, pd, pdl sicilia, pippo scalia, raffaele lombardo, Politica
Nasce il gruppo del Pdl Sicilia all’Assemblea regionale siciliana. Lo strappo  viene ufficializzato in una affollatissima conferenza stampa questa mattina  nella sala stampa dell’Ars da Gianfranco Miccichè, che presenta l’iniziativa  insieme a Dore Misuraca e Pippo Scalia. “Il nome del gruppo è Pdl Sicilia.  Siamo 15 parlamentari all’Assemblea regionale. Il gruppo è dentro il Pdl e  sostiene il governo Lombardo. È questa la differenza dai così detti ‘lealisti’.  Parola mutuata dalla storia della rivoluzione americana, ma facendo riferimento  a quella esperienza storica, furono i rivoluzionari a fare nascere quella  grande democrazia”, ha detto, aprendo la conferenza stampa Dore Misuraca.  Un Pdl-Sicilia che annuncia in contemporanea la sua indisponibilità a ragionare col Pd. Miccichè dal canto suo racconta: “Ieri abbiamo avuto tutti pressioni da Roma  per non fare questo gruppo. Non ci sono pressioni che tengano. Ho 55 anni e tre  figlie e voglio educarle alla coerenza. Questa non è una operazione di potere. Ci sono 15 parlamentari regionali che stanno dimostrando grandissimo coraggio”.  Dal sottosegretario arrivano bordate ai “lealisti” più volte definiti  “schizofrenici”, accusati di avere tradito la linea di Berlusconi e di fare opposizione al governo Lombardo Per la componente “finiana” parla Pippo Scalia, che tiene a precisare che non  nasce un nuovo partito, almeno per il momento, e che il gruppo si muove dentro  il Pdl. Rilancio della questione meridionale, centralità della Sicilia e sostegno al  governo Lombardo, maggiore democrazia interna nel Popolo della Libertà. Queste le tre “grandi questioni” su cui il progetto “Pdl Sicilia”, tenuto a battesimo  questa mattina all’Ars, intende “polarizzare l’attenzione della pubblica  opinione”, come si legge nel documento distribuito ai giornalisti prima dell’inizio della conferenza stampa. Il documento, approvato dai 15 parlamentari  regionali che aderiscono al nuovo progetto critica l’operato dei co- coordinatori regionali e della presidenza del gruppo parlamentare dell’Ars. Il documento annuncia la costituzione di un gruppo parlamentare autonomo all’Ars formato da 15 deputati regionali , “come espressione politico-istituzionale  di un’area interna al Pdl”, si propone di promuovere “la costituzione in tutti  gli enti locali siciliani dei gruppi consiliari Pdl Sicilia”, di ribadire un  “forte sostegno al governo regionale e di “lanciare un appello al presidente  del partito Silvio Berlusconi perché d’intesa con Gianfranco Fini assuma la  responsabilità di risolvere la grave crisi politica e organizzativa in cui  versa il Pdl in Sicilia”.
Al nuovo gruppo all’Ars hanno aderito 15 deputati regionali: Aricò, Marrocco,  Gentile, Scilla, Currenti, Incardona, Marinese, Scammacca, Mineo, Greco,  Nicotra, Cristaldi, Bufardeci, Adamo, Cimino.

(Il fotomontaggio è di Lili Kvedes, la foto è tratta dacronachemarziane.myblog.it/archive/2009/03/17..).