Live Sicilia

TRAPANI

La Provincia acquista 72 crocifissi per le scuole superiori


Articolo letto 443 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
La giunta provinciale di Trapani, presieduta da Mimmo Turano, ha approvato all’unanimità dei presenti , l’ordine del giorno che prevede l’acquisto di 72 crocifissi da  distribuire a tutti i plessi degli istituti d’istruzione secondaria di secondo grado e artistica gestiti dalla Provincia  regionale  di Trapani.
Il costo dell'acquisto sarà sostenuto grazie all’auto tassazione da parte di ciascun componente della Giunta Provinciale. Tale decisione, scaturisce  in conseguenza alla recente decisione adottata dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, che stabilisce  la non conformità alla convenzione dei diritti umani del  crocifisso, vietando l’ esposizione nelle aule del simbolo religioso in questione. La Giunta provinciale, condividendo la linea adottata dal Ministro della Pubblica Istruzione, Gelmini  che afferma:  "La presenza in classe del crocifisso  non significa adesione e imposizione forzata  al cattolicesimo”  ha dato mandato all’Ufficio legale della Provincia di valutare la possibilità di impugnare la sentenza della  C.E. D.U. La donazione dei crocifissi acquistati dalla Giunta provinciale,  e il successivo trasferimento negli istituti, non vincola in nessun modo i dirigenti scolastici,  all’ esposizione del crocifisso.” Sono amareggiato –dice il presidente Turano- dall’esito del ricorso presentato da una cittadina alla Corte Europea. Credo che sia corretto rispettare il credo religioso sotto altre forme e non di certo togliendo forzatamente il crocifisso nelle aule. In  tante scuole della mia Provincia,  ci sono ragazzi di religione diversa da quella cattolica e per loro, esiste il massimo rispetto didattico. Il gesto di oggi, compiuto dalla Giunta Provinciale , vuole essere un segnale che intende rafforzare il concetto di rispetto della fede. Gesù Cristo esposto, non credo abbia mai mortificato nessuno. Auspico- conclude il presidente Turano- che la Corte accolga i ricorsi presentati”.