Live Sicilia

Palermo

Sparò al suo aggressore per difendersi
Assolto sindaco di San Giuseppe Jato


Articolo letto 530 volte

VOTA
0/5
0 voti

assolto, fragala, palermo, San Giuseppe Jato, sindaco, tribunale, Cronaca
La quinta sezione penale della Cassazione ha assolto dall'accusa di lesioni volontarie il sindaco di San Giuseppe Jato (Palermo) Giuseppe Siviglia, condannato in primo e secondo grado con l'accusa di avere sparato al rapinatore che, assieme a dei complici, gli aveva sottratto 3.500 euro. I supremi giudici hanno ritenuto la "legittima difesa putativa" e hanno stabilito che il fatto a lui attribuito non costituisce reato. La sentenza accoglie le tesi degli avvocati Enzo Fragalà e Loredana Lo Cascio.
Il 4 dicembre 2005 Siviglia, comproprietario di alcuni noti cinema a Palermo, era stato aggredito al suo rientro a casa, a San Giuseppe Jato, e rapinato dell'incasso della serata. Secondo la versione difensiva, aveva preso la pistola (che deteneva e portava legalmente) e sparato sui banditi, perché aveva temuto che potessero fare del male ai familiari. La tesi dei legali non aveva convinto i giudici di merito: Siviglia aveva avuto due anni e mezzo in primo grado e dieci mesi in appello.