Live Sicilia

Mostra a Palermo

"L'Arma per l'Arte in Sicilia"


Articolo letto 664 volte

VOTA
0/5
0 voti

albergo dei poveri, l'arma per l'arte in sicilia, mostra, nucleo carabinieri tutela del patrimonio culturale, palermo, recupero, reperti trafugati, Cultura e Spettacolo, Zapping

In occasione del 40° anniversario dalla fondazione del Nucleo Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, è stata allestita, presso l'Albergo dei Poveri di Palermo (corso Calatafimi), la mostra “L'arma per l'Arte in Sicilia”, organizzata dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Palermo con il finanziamento del Dipartimento Regionale ai Beni Culturali.


La mostra espone i reperti trafugati su tutto il territorio regionale e poi recuperati dai Carabinieri, nonché numerose immagini fotografiche dei pezzi che non è stato possibile far giungere in esposizione perché attualmente in restauro o conservati in strutture museali non siciliane.

L'esposizione documenta l'attività portata avanti dall' Arma dei Carabinieri attraverso le operazioni di recupero nazionali ed internazionali.

Madonna_delle_grazie_zoppo-a6f34

Madonna delle Grazie

Particolarmente importante è la sezione dedicata ai recuperi dall'estero, dove trovano posto alcune opere di straordinaria importanza, sia sotto il profilo artistico che per quello storico e documentario, e che è stato necessario recuperare in numerosi Paesi europei e negli Stati Uniti.
Come ha ottimisticamente sostenuto Nicola Leanza, Assessore Regionale ai Beni Culturali «L'apporto dell'Arma dei Carabinieri è fondamentale per il recupero dei beni illecitamente trafugati, confluiti in collezioni private o sul mercato antiquario clandestino, nazionale ed internazionale. L'azione dei Carabinieri ha dunque un duplice scopo: da un lato proteggere e salvaguardare i tesori della Sicilia, dall'altro costituire un baluardo in difesa della legalità e della storia che appartiene alla nostra comunità».
Tra i tanti reperti recuperati, si segnala anche la pregevole tela del XVII secolo Madonna delle Grazie con i Santi Agostino e Nicolò da Tolentino, proveniente dall'Oratorio palermitano di S. Maria di Tutte le Grazie alla Meschita, nonché manufatti originariamente collocati presso le chiese di S. Francesco d'Assisi, del Carmine Maggiore e di San Stanislao Kostka di Palermo.
La mostra è visitabile sino al 27 dicembre, dal martedì alla domenica e con orario continuato, dalle 10.00 alle 19.00.