Live Sicilia

Palermo, la delibera in consiglio comunale

La giunta aumenta i compensi
ai manager delle partecipate


Articolo letto 414 volte

VOTA
0/5
0 voti

aumento compensi, cammarata, palermo, partecipate, Politica
A Palermo piove e pare non dover più smettere. Fra i mille problemi che attraversano la città, bloccata a guardare le montagne di rifiuti, la giunta Cammarata adotta una delibera per aumentare i compensi ai consiglieri d'amministrazione delle società partecipate. L'opposizione urla lo scandalo. "Pensare di aumentare i compensi degli amministratori delle società partecipate in un momento di crisi come questo, significa non avere a cuore il bene della città e dei palermitani", dicono i consiglieri del Pd Salvo Alotta e Salvatore Orlando, commentando la delibera in discussione stasera a sala delle Lapidi.

"La delibera presentata dall'amministrazione attiva - dicono Alotta e Orlando - è un atto scellerato, fuori da ogni logica. Palermo vive una situazione difficilissima, le risorse sono all'osso e siamo costretti a tagliare anche i servizi essenziali. Come si può pensare di aumentare i compensi dei Cda delle partecipate, che sono indebitate fino al collo e fanno acqua da tutte le parti, come dimostrato da una città sommersa dai rifiuti? Ci opporremo a tutto questo, come abbiamo già fatto in Commissione".

A settembre, infatti, la commissione consiliare ha bocciato l'iniziativa con i voti dei consiglieri Alotta, Fraccone, Scavone e Trapani, che hanno messo in minoranza il presidente Genova del Pdl. "Il Partito democratico - hanno concluso - respingerà anche questa iniziativa del Sindaco, a tutela della cittadinanza e dei conti pubblici. Proporremo l'amministratore unico, per garantire maggiore risparmio ed efficienza delle società partecipate, che non possono più essere un parcheggio per i politici".