Live Sicilia

Arti visive

"Dreaming Palermo",
mostra fotografica e documentario


Articolo letto 696 volte

VOTA
0/5
0 voti

documentario, dreaming palermo, Foto, mostra, Zapping
Sabato 14 novembre alle 18 e 30 si inaugura "Dreaming Palermo, tracce di memoria", la mostra fotografica a cura di Mario Bellone e Valeria Ferrante che introduce e precede di qualche settimana l’anteprima del film documentario "Dreaming Palermo"diretto dallo stesso Bellone. Appuntamento al "Loft Arti Visive" di via Sammuzzo, 35 a Palermo.

150 fotografie in bianco e nero, di grande formato, per lo più anonime, scelte dai curatori in quell’immenso serbatoio della memoria collettiva cittadina che sono gli archivi fotografici Pubbliphoto, Scafidi, Glaviano (e non solo), per raccontare la città nel ventennio che va dai primi anni Cinquanta al 1970. Una Palermo sognata nella vitalità di una stagione di profondi mutamenti sociali e culturali, con uno sguardo attento all’irrompere sulla scena cittadina della musica americana così come della contestazione politica nelle strade e nelle università. Una Palermo attraversata da personaggi che hanno fatto la storia della musica, da Oscar Peterson a Ella Fitzgerald, da Louis Armstrong, a Milt Jackson e una musica che esce dai teatri e sembra segnare una strada di modernità.

“Palermo è stata per più di dieci anni un sogno di vitalità politica, culturale e sociale, una 'festa mobile' e una collettività in movimento che affermava diritti civili inauditi a suon di jazz e pop, nei teatri e nelle piazze, nei night, negli stadi” come afferma Vito Bianco nel testo introduttivo del catalogo.

La Mostra, che resterà aperta fino al 13 dicembre, si avvale del sostegno dell’APQ “Sensi Contemporanei”, l’Accordo di Programma Quadro stipulato dalla Regione Siciliana, dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero Beni e Attività culturali – DG Cinema, e la cui gestione operativa è affidata al Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e Ambientali, dell'Educazione Permanente e dell'Architettura e dell'Arte Contemporanea, alla Sicilia Film Commission e a Cinesicilia srl.