Live Sicilia

Il bilancio di un'esperienza

Storia di un "antisiciliano"


Articolo letto 620 volte

VOTA
0/5
0 voti

antisiciliani, luoghi comuni, raffaele lombardo, siciliani, Politica
Nell'ora possibile del suo trapasso politico, è giusto dare a Raffaele ciò che di Raffaele è.

Lo abbiamo definito in tanti modi, azzeccandoci e sbagliando, ostacolati dal suo enigma di rari e mezzi sorrisi d'ombra. Soprattutto c'è un marchio che, talvolta,  gli abbiamo affibbiato che dobbiamo scrostare dalla pelle del governatore ruggente, nelle contorsioni della sua agonia. Antisiciliano. Ecco l'etichetta. Ecco la parola. Sbagliata.

Siamo stati tratti in inganno dal bagliore dei luoghi comuni. Antisiciliano solo, per l'appunto,  rispetto al luogo comune che ci vuole cordiali fino all'eccesso, prodighi di vasate e di strette di mano. C'è tutta una letteratura su questa tarantella dell'anima che ci disegna  grondanti bonomia, sorrisoni e pacche sulle spalle. E' appena una faccia della medaglia e non è detto che sia la più vera.

Perché poi c'è la freddezza siciliana, che può diventare perfino sicilianista per tigna, convenienza o ispirazione. E' una predisposizione tipica di certi personaggi misteriosi e spinosi, attraversati da una luce pallida, che si ritrovano ogni tanto nei libri e che ragionano al gelo di uno schema matematico. Di solito,  incasellano finissime e perdenti strategie. Sono i siciliani, però  "anti". Il punto è che restano sicilianissimi, pur nella dialettica con l'altro identikit. Il loro è solo l'altro modo di esserci.

A prescindere dai giudizi, dalla bontà e dalla cattiveria che non spetta a noi scolpire sulle tavole, è evidente che questa partita si è giocata (si sta giocando) quasi sul filo di uno scontro etnico, di due contrapposti assiomi culturali, chissà se per riflesso o per contenuto vero. I siciliani di tipo A, "terroni", contro un siciliano nordico. Quelli che "vasano", contro quello che dà a malapena la mano. Gli empatici cannoli, contro gli aculei dei fichidindia. E, per quanto siano morbidi, o forse proprio per questo, alla fine,  spesso, vincono i cannoli.